*** Seconda Parte ***

Finzioni e realtà delle multinazionali "verdi"/2

di Pratap Chatterjee, Olivier Petitjean, Alfons Perez, Lavinia Steinfort, James Angel



SOCIALIZZARE I COSTI, PRIVATIZZARE I PROFITTI

I progetti dell’energia rinnovabile delle multinazionali verdi si basano tipicamente su sovvenzioni pubbliche

Le multinazionali si affidano a molteplici forme di sostegno pubblico, tra cui sovvenzioni dirette, prezzi di acquisto garantiti, accordi di acquisto di energia con i governi o le società statali e crediti d'imposta. I sistemi di sovvenzione variano da una giurisdizione all'altra, ma svolgono un ruolo enorme nel decidere quale capacità rinnovabile viene costruita e dove. Ad esempio, il regime di obblighi in materia di energie rinnovabili del governo britannico prevede che le società elettriche producano elettricità rinnovabile o paghino perché lo facciano altri 49. I progetti eolici offshore sono assicurati fino a 2 sterline per ogni sterlina di energia che generano per 15-20 anni, oltre al reddito dalla vendita effettiva di energia elettrica a prezzi di mercato, che sono effettivamente condotti da società di combustibili fossili 50, 51.

Questa disposizione ha contribuito a finanziare la costruzione del London Array da 630 megawatt, il più grande parco eolico offshore operativo del mondo, che è stato completato nel 2013 52. La DONG Energy (ora Ørsted) deteneva il 50% del progetto, poi aggiornato al 25%, mentre E.ON aveva una quota del 20%, successivamente aggiornata al 30% 53. La Renewable Energy Foundation, un gruppo contro le centrali eoliche, stima che nel solo 2020, il London Array ha ricevuto una sovvenzione di 285 milioni di sterline e che il progetto eolico offshore Hornsey ha ricevuto una sovvenzione di 479 milioni di sterline 54.

Secondo il New York Times, nel 2010, il governo britannico ha garantito che il London Array sarebbe stato pagato 0,18 dollari per kilowattora, ben oltre il prezzo pagato dai consumatori (0,14 dollari per kilowattora) e dall'industria (0,11 dollari per kilowattora) all'epoca 55. Nel gennaio 1991 è entrato in vigore in Germania un regime analogo denominato Einspeisetarif (Feed-in Tariffs) 56. Esso garantiva un prezzo fisso per la produzione di energia rinnovabile in un determinato periodo di tempo, in genere due decenni. Questo è stato pagato da un supplemento sui consumatori di energia elettrica che, secondo una fonte 57, hanno pagato un extra di 24 miliardi di euro per finanziare le energie rinnovabili nel 2020.

Un'altra fonte (International Institute for Sustainable Development) prevede che la Germania spenderà oltre 30 miliardi di euro per sovvenzionare l'energia eolica nel tempo, la maggior parte della quale probabilmente andrà a società manifatturiere come Siemens Gamesa 58. Engie fornisce un altro esempio. Come sviluppatore di progetti solari, eolici e idroelettrici, Engie beneficia di vari regimi introdotti dai governi per accelerare la transizione energetica, come gli accordi di acquisto di energia con i governi che garantiscono i prezzi di acquisto e meccanismi di sostegno dei prezzi (come in Francia) 59.

Engie ha anche beneficiato di forme di sovvenzioni pubbliche legate ai fondi di emergenza e ai recovery funds dell'Unione Europea in risposta alla crisi della COVID-19 60. Infatti, se non fosse per il sostegno pubblico, produrre energie rinnovabili non sarebbe redditizio.
L'energia rinnovabile ha costi iniziali elevati, oltre ai costi infrastrutturali che aumentano ulteriormente quando le energie rinnovabili superano un quarto del mix energetico 61. Poi, quando i costi di produzione scendono e i prezzi dell'elettricità all'ingrosso scendono, i margini di profitto si riducono.

Come evidenziato nel rapporto, nella prima parte della trilogia del TNI Public Power, una volta che la Germania e la Cina hanno ritirato le loro sovvenzioni mentre i prezzi erano bassi, gli investimenti sono crollati perché le rinnovabili non erano più redditizie 62. Pertanto, in un modello di mercato, la produzione di energia rinnovabile dipende in larga misura dalle sovvenzioni o dagli elevati prezzi all'ingrosso, il che significa che i contribuenti o i consumatori, attraverso le loro bollette energetiche, stanno pagando il rientro degli investimenti delle multinazionali. In un sistema di proprietà pubblica, il beneficio tornerebbe al pubblico.

Anche Tesla, Inc., Ørsted, , JinkoSolar Holding Co. Ltd e Siemens Gamesa Renewable Energy S.A., i quattro produttori di tecnologie di transizione nel nostro campione, si sono affidati pesantemente a fondi pubblici. Elon Musk ha ricevuto diversi miliardi di dollari in sussidi governativi per costruire Tesla 63. Nel frattempo, la società è stata in grado di sviluppare una serie di progetti di energia eolica offshore sfruttando le varie politiche di sovvenzione create negli anni '90 e 2000 in tutta Europa, in particolare in Danimarca e nel Regno Unito 64. Oggi, la società spera di incassare i miliardi di sussidi offerti dal nuovo Inflation Reduction Act del 2022 65. La crescita esplosiva di JinkoSolar non sarebbe stata possibile senza il sostegno della Cina alla produzione ed all'esportazione di pannelli solari, iniziata nel 2004 66. Nel 2012, ha ricevuto un pacchetto di finanziamento di 13 miliardi di yen (1,1 miliardi di dollari) dalla China Development Bank 67. Siemens Gamesa deve il suo successo anche alle generose sovvenzioni per l'energia eolica fornite principalmente dai governi danese e tedesco 68. Gamesa ha ammesso di aver aperto impianti di produzione in Pennsylvania solo perché gli erano stati offerti 15 milioni di dollari di incentivi statali e oltre 25 milioni di dollari in crediti fiscali federali nel 2010, dopo di che la fabbrica della Pennsylvania ha ottenuto decine di milioni di dollari in ulteriori sostegni del governo per le esportazioni 69.

Da ultimo ma non meno importante, gli investimenti di Adani in mega-progetti solari sono dipese molto dal sostegno pubblico, attraverso licitazioni per l'elettricità rinnovabile da parte dei governi statali o di società di proprietà statale. Il rapporto annuale del 2021-22 di Adani Green lo dice senza mezzi termini: 'Crediamo che il più grande catalizzatore per il nostro settore è al di fuori della nostra Compagnia. In due parole: è "governo indiano" 70. Oppure prendete questo commento su NextEra di Robert Bryce, un membro senior presso il conservatore Manhattan Institute: “NextEra può produrre energia eolica, ma il suo vero business è l'estrazione di sussidi” 71. Subsidy Tracker, un progetto di Good Jobs First, stima che NextEra ha ricevuto 3,1 miliardi di dollari USA in prestiti e salvataggi, e 2,9 miliardi di dollari USA in sovvenzioni per l'energia solare ed eolica dal 2009 72.

Per essere chiari, non si tratta di stanziare fondi pubblici per realizzare la transizione energetica. Considerando l'enorme deficit degli investimenti nella transizione energetica, la spesa pubblica dovrebbe infatti aumentare. Il problema è che l'attuale modello di finanziamento, in cui i governi fondamentalmente pagano le società private per fornire energia verde, alla fine mina la decarbonizzazione socializzando i costi (spostando i costi sulla società nel suo complesso) e privatizzando i profitti.


Le multinazionali "verdi" e il settore finanziario sono profondamente interconnesse

Molte delle multinazionali verdi del campione [considerato] sono di proprietà e controllate dagli stessi grandi fondi di investimento. Questi grandi istituti finanziari includono Vanguard, Capital Research & Management Co., Norges Bank Investment Management, J.P. Morgan Investment Management, Wellington Management Co. LLP, DWS Investment GmbH e BlackRock. Nei fatti, 12 delle 15 società considerate hanno Vanguard, la seconda più grande società di investimento al mondo dopo BlackRock 73, nell’elenco dei loro principali azionisti. Nel 2022, in un sondaggio preliminare, abbiamo scoperto che BlackRock, il più grande asset manager al mondo e uno dei principali investitori mondiali nella distruzione del clima 74, era azionista di nove società in questa sezione trasversale. Ma nell’ottobre 2023, secondo la lista degli azionisti compilata da Marketscreener, risultava solo come azionista top-10 in NextEra e Centrica, la società madre di British Gas 75. Questo potrebbe essere inteso come parte dello sviluppo in cui i gestori di denaro, come BlackRock, stanno spostando miliardi di fondi che tengono conto dei fattori sociali, ambientali e di governance (ESG) 76.

La maggior parte di questi azionisti adotta una strategia di finanziamento passivo e utilizza il voto per delega. Ciò significa che spesso investono nel settore dei combustibili fossili così come nelle imprese verdi, e non usano la loro influenza come azionisti per spingere per strategie favorevoli al clima. Queste istituzioni finanziarie investono in multinazionali 'verdi' per soddisfare alcuni criteri ESG [Environmental, Social, and Governance] riconosciuti dai mercati finanziari -- e per distribuire il rischio tra più società. Attraverso le loro strategie di finanziamento passivo, esercitano potere e influenza sul settore energetico nel suo complesso, piuttosto che su singole imprese 77. Inoltre, come dimostrato dai cambiamenti negli investimenti di BlackRock, tali azionisti vanno e vengono, a seconda della redditività. I criteri di “sostenibilità” sono facilmente sfruttabili. Prendiamo, ad esempio, Enbridge, che nel 2021 ha ricevuto un prestito di 1,1 miliardi di dollari dalle più grandi banche del Canada per completare la Linea 3, [un oleodotto] che attualmente trasporta 390.000 barili di petrolio greggio da sabbie bituminose al giorno 78. Questo prestito era in parte subordinato al fatto che la società soddisfacesse i criteri di sostenibilità, come la riduzione dell'intensità delle emissioni di gas serra del 35% entro il 2030 79Tara Houska, [difensora della Terra] appartenente alla Prima Nazione Couchiching dei popoli Anishinaabe, ha detto in risposta: “Dare ad Enbridge un prestito di sostenibilità è come dare un produttore di armi un prestito di "pace" [..] Anche se Enbridge prevede di costruire alcuni pannelli solari con quei soldi, non puoi spegnere un incendio e versarci sopra milioni di barili di sabbie bituminose allo stesso tempo” 80.

In sostanza, il settore delle energie rinnovabili è fortemente finanziato. Come mostriamo nelle nostre sezioni, in alcuni paesi come gli Stati Uniti, multinazionali come NextEra e EDF Renewables trattano i progetti solari ed eolici come una categoria di asset in un'portafoglio di investimenti'. Questi asset sono negoziati tra investitori e società a seconda del calcolo finanziario e dei cambiamenti di strategia, senza impegno a lungo termine. Anche l’impresa indiana Adani Green ne è un esempio. Il portafoglio delle energie rinnovabili di Adani è cresciuto rapidamente da 1 GW nel marzo 2020 a 5 GW di oggi e si prevede che raggiungerà 25 GW nel 2025, corrispondenti a un aumento del 3.000 % del prezzo delle azioni di Adani dal lancio nel 2018 81. Le recenti accuse di frode e manipolazione del mercato hanno inizialmente colpito la valutazione delle azioni di Adani e la fiducia degli investitori nell'impresa, mettendo in discussione i futuri investimenti nelle energie rinnovabili 82. Tuttavia, scioccando molti osservatori 83, questo è stato di breve durata, [dal momento che] la multinazionale francese Total ha recentemente firmato un accordo sulle energie rinnovabili con Adani Green 84.

Sono necessarie ulteriori ricerche per illustrare in modo più dettagliato come la collusione tra il settore finanziario e le multinazionali verdi stia sabotando la transizione energetica. Eppure questi esempi non lasciano dubbi sul fatto che l'industria delle energie rinnovabili sia dominata dalla grande finanza.


Le multinazionali verdi sono implicate nella speculazione dovuta all'aumento dei prezzi e alla manipolazione del mercato

Enormi aumenti dei prezzi sono stati un'ulteriore fonte di profitto per alcune delle multinazionali verdi analizzate. In alcuni casi le società hanno manipolato i mercati e i prezzi. Ciò è stato particolarmente diffuso in Spagna. Nel 2015, la Commissione nazionale spagnola dei mercati e della concorrenza (CNMC) ha stabilito che Iberdrola ha manipolato il prezzo dell'energia elettrica nel 2013, definendo la sua negligenza 'molto grave' 85. La CNMC ha imposto una multa di € 25 milioni (questa multa è ancora in fase di appello al momento della stesura) 86. Nel maggio 2019, la Commissione nazionale spagnola sui mercati azionari (CNMV) ha multato Endesa per 5,8 milioni di euro 87.

La CNMV ha rilevato che Endesa ha manipolato il mercato dell'elettricità per aumentare i prezzi all'ingrosso tra ottobre 2016 e gennaio 2017, in coincidenza con un picco della domanda a causa del freddo 88. Iberdrola ha trovato altri modi per trarre profitto dall'aumento dei prezzi. Nel 2021, Iberdrola è stato accusato di aver causato una 'falsa siccità' svuotando il bacino idrico di Valdecañas in Estremadura, in Spagna, a spese dell'approvvigionamento idrico della gente 89. La multinazionale sostiene che questa azione era necessaria per generare elettricità nel contesto di un'ondata di calore 90. Tuttavia, lo ha fatto quando il prezzo dell'elettricità era molto alto, incassando profitti che hanno suggerito un'indagine del Ministero dell'Ambiente spagnolo 91. Il ministro per la transizione ecologica ritiene che l'azione sia legale, ma che questo tipo di comportamento irresponsabile non dovrebbe essere consentito 92. L'aumento dei prezzi e la manipolazione del mercato per massimizzare i profitti continueranno a verificarsi se queste imprese saranno lasciate fare ciò che vogliono.
 

Alcune multinazionali verdi hanno fatto enormi profitti grazie alla guerra in Ucraina

Metà delle imprese considerate stanno vivendo una sorta di rilancio per il loro business grazie alla guerra in Ucraina, e alcune stanno vivendo picchi di profitto importanti. Le compagnie tradizionali dei combustibili fossili (come BP e Shell) hanno registrato profitti spettacolari nel 2022 a causa dei picchi dei prezzi dell'energia 93.

Questo vale anche per Endesa, Southern e British Gas a causa dei loro portafogli di combustibili fossili. I profitti di Endesa del 2022 sono aumentati del 56,96% rispetto al 2021, i profitti di Southern del 2022 sono aumentati del 47,26% rispetto al 2021, mentre British Gas ha visto il più grande aumento del profitto nel 2022: un aumento del 211,02 % rispetto alle cifre del 2021 94. Dopo lo scoppio della guerra, la British Gas aumentò i prezzi dell'energia, con la tariffa variabile standard della compagnia che salì da 1.277,38 sterline all'anno a 1.970,56 sterline tre mesi dopo l'invasione 95. Non sorprende che Centrica, la società madre di British Gas, abbia registrato 3,3 miliardi di sterline di profitti operativi per l'anno solare 2022 - oltre tre volte più dei 948 milioni di sterline per l'anno precedente e il più alto mai raggiunto nella sua storia 96. Nell'Unione europea, poiché i prezzi dell'energia elettrica sono determinati dai prezzi del gas, i produttori di energie rinnovabili hanno tratto beneficio dall'applicazione di prezzi più elevati in seguito alla guerra, anche se la guerra non ha avuto alcun impatto sui costi di produzione di energia rinnovabile. Nei Paesi Bassi, ad esempio, i prezzi dell'elettricità sono aumentati di dieci volte dopo [l’inizio della] guerra. Di conseguenza, i profitti degli azionisti dei parchi eolici e dei parchi solari hanno superato di gran lunga i 384 milioni di euro di profitti che stavano già realizzando prima dell'aumento dei prezzi, anche producendo elettricità senza sussidi governativi, perché i profitti erano ora sovvenzionati direttamente dalle bollette energetiche dei cittadini 97, 98. Anche i profitti di Engie sono raddoppiati nella prima metà del 2022 rispetto al primo semestre del 2021, con l'impresa che ha beneficiato dell'aumento dei prezzi nell’ambito della sua attività europea del gas, a fianco di un aumento dei prezzi praticati per le energie rinnovabili che produce 99.

L'evidenza di cui sopra mostra che in molte occasioni i profitti delle multinazionali verdi analizzate non riflettono una diffusione delle energie rinnovabili. Come abbiamo visto, questi utili eccezionali saranno in gran parte ridistribuiti agli azionisti, non reinvestiti nello sviluppo di nuove capacità rinnovabili o utilizzati per alleggerire gli oneri a carico dei consumatori. Mentre le imprese sostengono che hanno bisogno di un massiccio sostegno del governo per rendere l'energia verde sufficientemente redditizia, in un sistema privatizzato questo sostegno finisce semplicemente per incrementare i profitti delle imprese, promuovendo il guadagno privato invece di investire nella transizione energetica. Si tratta di un perfetto esempio di socializzazione dei costi e privatizzazione dei profitti. 

(2. Continua)

* Traduzione Ecor.Network.
Tutti i links di questo articolo sono stati verificati come attivi in data 26 gennaio 2024.


‘Green’ multinationals exposed

Pratap Chatterjee, Olivier Petitjean, Alfons Perez, Lavinia Steinfort, James Angel.
Transnational Institute, CorpWatch, Observatoire des multinationales, Observatori del Deute en la Globalització
Novembre 2023, pp. 162.

Download:


Immagini:

- Enbridge Tower, di Kyle1278, English Wikipedia. Licenza CC BY-SA 3.0.
- Central Diesel Endesa Ceuta, di Xemenendura. Licenza CC BY-SA 3.0.
- Edf renewables logo, di EDF. Licenza CC BY-SA 4.0.
- E.ON Stand, di Baltic Development Forum. Licenza CC BY 2.0.


Note:

49) IEA, Renewables Obligation Plan, 14 marzo 2013.
50) Ofgem, Guidance for generators that receive or would like to receive support under the Renewables Obligation (RO) scheme, 2019, p. 69.
L'eolico offshore riceve due Renewables Obligation Certificates (ROCs) per MWh, quindi, ad esempio, quando il prezzo per MW è di 90 sterline e il prezzo di un ROC è di 43 (a seconda di quando è stato emesso), un parco eolico offshore può incassare £ 90 più 2x 43, cioè £ 174, un po' meno del doppio. Secondo il portale britannico
TheGreenAge, il valore delle ROC è rimasto abbastanza stabile, appena al di sopra del prezzo di acquisto, ed è attualmente attestato a circa £ 43 per MW, in parte causato dal fatto che il governo ha garantito che vi sia sempre una domanda di ROC  attraverso la creazione di una domanda artificiale in eccesso del 10% (vedi: The Greenage, Renewables Obligation).Così, quando il prezzo per MW è di £ 43, lo stesso produttore eolico offshore riceve 2 ROC, che significa 2x £ 43, guadagnando un totale di £ 129 per MW, di fatto triplicando il reddito per MW di un produttore di combustibili fossili.

51) Il Renewables Obligation ha chiuso [le sovvenzioni per] le nuove capacità di generazione il 1° aprile 2017, ma poiché la maggior parte dei ROC è stata emessa per 20 anni, questo regime di sovvenzioni andrà a beneficio dei produttori di energie rinnovabili fino al 2037. Per maggiori informazioni vedi: Ofgem, Guidance for generators that receive or would like to receive support under the Renewables Obligation (RO) scheme, 2019, p. 54.

52) Reliable Plant, London Array, world’s largest windfarm, gets go-ahead.

53) Renewable Energy Foundation, London Array Offshore Wind Farm, Thames Estuary, luglio 2009.

54) Renewable Energy Foundation, Offshore Wind Subsidies per MWh Generated Continue to Rise, 1 agosto 2021.

55) New York Times, Reaping the Whirlwind? Europe’s Big Wind Subsidy Race, 24 febbraio 2010.

56) FuturePolicy, The German Feed-in Tariff.

57) Wacket, M., Germany to slash renewable power fees to ease burden of higher energy bills, 15 ottobre 2021.

58) Moerenhout, T., Liebert, T. and Beaton, C., Assessing the Cost-Effectiveness of Renewable Energy Deployment Subsidies: Onshore wind power in Germany and China, marzo 2012.

59) Ministère de la Transition écologique et de la Cohésion des territoires & Ministère de la Transition énergétique, Objectifs des dispositifs de soutien aux énergies renouvelables, 20 settembre 2022.
Éoliennes en mer Dieppe et Le Tréport, Un appel d’offres pour atteindre les objectifs de l'Etat en énergies renouvelables et énergies marines renouvelables.

60) The Local, Chômage partiel: What you need to know about France's crisis unemployment scheme, 30 aprile 2020.
Maillard, C., Comment Engie prépare le déconfinement, 24 aprile 2020.
Petitjean, O. , Combes, M., Corporate Welfare in a Time of Pandemic, 14 dicembre 2020.

61) Sweeney, S., Treat, J., Chavez, D., Energy Transition or Energy Expansion, 22 ottobre 2021. p. 30.

62) Steinfort, L., Angel, J., Energy Transition Mythbusters Unpacking the 6 policy myths that threaten decarbonisation, 21 settembre 2023. Consulta in particolare: Myth #1: The private sector is driving a rapid renewable energy transition and Myth #2 – Free markets are the best route towards a low-carbon energy system.

63) Vedi: Tesla. Subsidy Tracker mostra $2.5 miliardi di sovvenzioni. Fonte: Good Jobs First, ’Subsidy Tracker Parent Company Summary’.

64) IRENA, 30 Years of Policies for Wind Energy: Lessons from 12 Wind Energy Markets, gennaio 2013.

65) Marketwire, Ørsted isn't worried about inflation, expects US tax reductions, 3 maggio 2023.

66) Yueqi, Z., Evolution of Solar Photovoltaic Policies and Industry in China, 2023.

67) Reuters, China ups 2012 solar industry subsidies to $2.1 bln, 12 dicembre 2012.

68) Johansen, K., Wind Energy in Denmark: A Short History, maggio 2021.
Moerenhout, T, Liebert, T, Beaton, C., Assessing the Cost-Effectiveness of Renewable Energy Deployment Subsidies: Onshore wind power in Germany and China, marzo 2012.

69) Subsidy Tracker, Siemens Company Profile.
Carus, F., Wind Rush: Europeans Take The Credit, 17 novembre 2011.

70) Adani Green, Integrated Annual Report 2021–22, 2022.

71) Ganter, T., Wind Industry Titan Soaks Up Billions in Tax Subsidies, 21 aprile 2017.

72) Subsidy Tracker, NextEra Energy Parent Company Summary.

73) ADV Ratings, World’s Top Asset Management Firms.

74) #BlackRocksBigProblem, BlackRock invests in climate destruction.

75) Sulla base del profilo di questa impresa del 2021.

76) Sorkin, A. et al., Is E.S.G. Falling Out of Favor?, 24 ottobre 2023.

77) Fichtner, J., Heemskerk, E., Garcia-Bernando, J., Hidden power of the Big Three? Passive index funds, reconcentration of corporate ownership, and new financial risk, 25 aprile 2017.

78) Woodside, J., Canadian banks are loaning Enbridge over $1B with questionable sustainability requirements, 27 settembre 2021.

79) Ibidem.

80) Houska, T., Enbridge’s Greenwashing Will Not Stand, 8 marzo 2021.

81) Companies Market Cap., Adani Green Energy, 2023.

82) BE Staff, Most Adani stocks drop as rebuttal draws Hindenburg response, 31 gennaio 2023.

83) Murdoch, A., Why do investors care little of Adani’s weak governance?’, 12 2023.

84) White, S. and Cornish, C., Total signs first big deal with Adani since short seller attack, 20 settembre 2023.

85)  CNMC, Resolución del procedimiento sancionador incoado a Iberdrola generación, s.a.u. por manipulación fraudulenta tendente a alterar el precio de la energía mediante el incremento de las ofertas de las unidades de gestión hidráulica de duero, sil y tajo, 24 novembre 2015.

86) Ibidem.

87) Page, D. and Arranz, R., The judges stop the “fine” against Naturgy for altering the price of electricity but force Endesa to pay now, 4 ottobre 2019.

88) Ibidem.

89) Manchado, S., La “falsa sequía” de Valdecañas: Iberdrola exprime el embalse y deja sin agua a los municipios del entorno, 13 agosto 2021.

90) Binnie, I., Spain probes Iberdrola’s use of reservoir water, 19 agosto 2021.

91) Ibidem.

92) Burgen, S., Spain launches inquiry after dams drained for profit during drought, 15 agosto 2021.

93) King, B., Why are BP, Shell, and other oil giants making so much money right now?, 12 febbraio 2023.

94) Per maggiori informazioni vedi i profili di Endesa, Southern e British Gas.

95) Gallizzi, B., British Gas price changes in 2023, 25 maggio 2023.

96) Prynn, J. and Bond, D., British Gas owner Centrica sparks fury after posting record £3.3bn profit, 17 febbraio 2023.

97) Strop, J., Zelfs zonder energiecrisis verdienen deze windboeren extreem veel – met hulp van de belastingbetaler, 10 settembre 2022.

98)  Steinfort, L., Chapter 8 in Rodenburg, H., Bruning, K. and Thijssen, N. (eds.), Er is wél een alternatief, Amsterdam: Ambo Anthos, 2023.

99) Gaz et renouvelables dopent Engie en 2022, mais son bénéfice net est quasi annulé par de lourdes charges, 21 febbraio 2023.



25 gennaio 2024 (pubblicato qui il 28 gennaio 2024)