*** Seconda parte ***

Neocolonialismo blu *

di Kendall Dix

   

The Nature Conservancy: un'organizzazione no profit con più soldi di alcune nazioni. 

TNC è stata fondata negli Stati Uniti nel 1951 ed è una delle più grandi organizzazioni no profit ambientali del mondo. La missione di TNC è di proteggere la natura dalle attività umane, un'idea fondata sulla convinzione che gli esseri umani e la natura non possono coesistere. Il suo strumento preferito per la conservazione sono le servitù, che sono restrizioni allo sviluppo che possono essere attribuite alla proprietà attraverso contratti di vendita privati. Queste servitù possono fornire grandi agevolazioni fiscali per i ricchi donatori e partner di TNC, che includono compagnie petrolifere, Dow chemical, e la divisione di beneficenza del gigante farmaceutico Eli Lilly and Co. TNC è presente in 79 paesi e ha un finanziamento di 6 miliardi di dollari. Al contrario, l'intero PIL delle Seychelles è inferiore a 1,7 miliardi di dollari. TNC è finanziata da sovvenzioni di grandi fondazioni e quote associative, ma genera anche entrate attraverso redditi da investimento e donazioni di terreni.

Nel 2001, TNC ha ampliato il suo centro di attenzione per includere swap "debito per natura", dove ha utilizzato uno schema simile nelle foreste del Sudest asiatico e dell'America centrale come alle Seychelles per acquistare il debito delle nazioni in cambio della creazione di più riserve naturali. Nell'accordo con le Seychelles, TNC ha lavorato direttamente con la Banca mondiale (l'organizzazione sorella dell'FMI) per acquistare parte del debito del paese in cambio della creazione di 13 nuove AMP. TNC si prende il merito per la protezione delle barriere coralline dai pescatori, ma riceve anche pagamenti di interessi del 3% sul debito del governo seychellese. 

La Banca Mondiale afferma che sta sostenendo le obbligazioni blu perché un oceano più sano creerà un'economia più sana. L'impegno dichiarato per un oceano più sano è ammirevole, ma l'attuazione dell'obiettivo da parte della Banca Mondiale coinvolge tattiche che sono paternalistiche, coercitive e avvantaggiano principalmente le grandi società. Inoltre, il valore economico delle AMP è difficile da quantificare. Alcuni studi hanno scoperto che le AMP non offrono benefici ambientali, in particolare se confrontate con gli strumenti convenzionali utilizzati per la gestione della pesca, come limiti di cattura o restrizioni sull’attrezzatura.

Quindi, se i benefici ambientali ed economici sono dubbi, allora ci si deve chiedere se questo accordo debba davvero andare a beneficio del popolo seychellese. The Nature Conservancy e le grandi banche europee che detengono i loro debiti avrebbero potuto semplicemente condonare il debito delle Seychelles, ma nelle parole del colono Winston Churchill, ciò avrebbe lasciato che una buona crisi andasse sprecata. Con una minore pressione del debito sulla sua economia, le Seychelles sarebbero state più libere di utilizzare le proprie risorse naturali e finanziarie come ritenevano necessario. 

In qualità di più grande organizzazione no profit ambientale degli Stati Uniti, la TNC controlla vaste aree di terreno e genera entrate a livelli paragonabili alle piccole nazioni, in parte grazie al pagamento degli interessi da parte delle Seychelles e di altre nazioni del Sud del mondo. Il denaro di TNC e la sua influenza le offrono opzioni notevolmente maggiori rispetto ad altre organizzazioni no profit ambientali per influenzare la direzione della protezione ambientale. Quando TNC adotta "soluzioni basate sul mercato", i politici e altri gruppi ambientalisti iniziano a vedere queste tattiche come appropriate ed efficaci. In altre parole, il notevole peso politico ed economico di TNC aumenta la legittimità percepita delle soluzioni basate sul mercato e indirizza gli altri a saltare sul carro dei vincitori. 

Anche in questo caso, l'efficacia delle MPA rispetto ai benefici per l'ambiente è messa in discussione. Ma anche se le AMP offrono la migliore protezione dai danni causati dalla pesca, non fanno ancora nulla per proteggere le aree marine dai cambiamenti climatici o da altri fattori di stress ambientali sulla pesca. Le AMP non prevengono i danni alle barriere coralline causati dall'inquinamento che ha origine sulla terraferma. Le Seychelles hanno perso il 90 per cento delle barriere coralline nel 1998 non a causa della pesca eccessiva, ma per lo sbiancamento dei coralli, che è aggravato dal riscaldamento delle acque e dai cambiamenti climatici.

Se le AMP non proteggono dai cambiamenti climatici o dalle minacce dello sviluppo e potrebbero non migliorare nemmeno la produzione della pesca, le obbligazioni blu iniziano ad assomigliare molto a una conservazione coercitiva progettata per avvantaggiare i ricchi stranieri. Sappiamo anche che lo sviluppo immobiliare danneggia le barriere coralline , quindi è lecito ritenere che gli hotel costruiti durante il boom del turismo abbiano anche svolto un ruolo nella distruzione delle barriere coralline che ha contribuito a creare la giustificazione per l'emissione di obbligazioni blu. Ironia della sorte, uno dei punti di forza economici delle obbligazioni blu è che la protezione delle barriere coralline manterrà a galla l'economia turistica, il che potrebbe creare la domanda di più hotel che danneggerebbero ulteriormente le barriere coralline. Questo crea un ciclo di retroazione in cui la conservazione può effettivamente esercitare una maggiore pressione sull'ambiente, come documentato in luoghi come Machu Picchu in Perù e in diversi parchi nazionali statunitensi
 

Una storia di estrazione 

La descrizione della Banca Mondiale delle obbligazioni blu come "pionieristiche" è indicativa. La parola "pionieristico" evoca una storia di espansione coloniale europea, estrazione di risorse e dominio su persone dalla pelle più scura. Per diversi secoli, le Seychelles hanno funzionato come un avamposto europeo che utilizzava le risorse naturali dell'arcipelago a beneficio degli europei. Si suppone che fossero disabitate fino a quando non furono colonizzate dai francesi nel 1700. Prima come colonia francese e poi britannica, le Seychelles erano principalmente una fonte di spezie, noci di cocco e altri prodotti agricoli che venivano prodotti nelle piantagioni con lavoro schiavo. Oggi, la maggior parte della sua gente è creola o di discendenza mista europea e africana.  

La colonizzazione iniziale delle Seychelles avvenne durante il periodo di massimo splendore del commercio triangolare, che fu uno dei primi modelli economici di globalizzazione nei secoli XVII e XVIII. Gli schiavisti europei e nordamericani estraevano persone dall'Africa per il mercato degli schiavi e le mandavano nelle colonie del cosiddetto Nuovo Mondo. I coloni hanno usato questo lavoro forzato per trasformare le vaste risorse naturali del Nord America e inviare prodotti a valore aggiunto in Europa dove avrebbero ottenuto un prezzo più alto. Gli schiavisti europei potevano quindi scambiare in Africa questi prodotti fabbricati con più schiavi. L'intero sistema è stato finanziato dalle banche europee. Fu in questo contesto che le Seychelles furono colonizzate. Lo stesso modello di estrazione e saccheggio dell'Africa basato sulle risorse continua ancora oggi attraverso la conservazione coercitiva. 

Nel 1971, le Seychelles erano ancora sotto il controllo coloniale diretto. Gli inglesi costruirono un aeroporto internazionale e il turismo sostituì rapidamente l'agricoltura e la pesca come settore numero uno. Gli hotel germogliarono in tutto l'arcipelago e presto dominarono l'economia locale. Nel 1976, un movimento indipendentista guidato dai socialisti ottenne il sostegno popolare e (con la benedizione del governo degli Stati Uniti che all'epoca stava costruendo una base militare su una delle isole) le Seychelles finalmente si liberarono politicamente dal Regno Unito. 

L'economia, tuttavia, ha continuato a dipendere dal sostegno dei turisti e dagli investiment stranierii. Entro il 2019, servizi come turismo e settore bancario rappresentavano oltre il 72% del PIL delle Seychelles. Tuttavia, molto poco del denaro è rimasto alle Seychelles. Dall'inizio del boom, i profitti del settore turistico sono stati catturati da società alberghiere e agenzie di prenotazione straniere.
 

Il futuro della conservazione?

Il modello delle obbligazioni blu potrebbe non essere limitato alle Seychelles per molto. TNC continua a promuovere i benefici delle obbligazioni blu e delle riserve marine, ma le obbligazioni blu potrebbero anche svolgere un ruolo crescente nella politica sul clima e sugli oceani del prossimo presidente degli Stati Uniti. Heather Zichal, che era la vicepresidente per gli affari societari di The Nature Conservancy quando furono emesse per la prima volta le obbligazioni blu, ha fornito consigli per la campagna Biden sulla politica ambientale. È stata anche brevemente direttrice esecutiva della Blue Prosperity Coalition, un'organizzazione concentrata sulla limitazione della pesca al 30% degli oceani

La scellerata alleanza di The Nature Conservancy con le compagnie di combustibili fossili e le grandi banche rappresenta tutto ciò che è sbagliato nell'ambientalismo moderno.

In precedenza, Zichal aveva affermato di voler creare una politica ambientale che trovasse un "compromesso" con le compagnie petrolifere e del gas. Sembrerebbe incompatibile per qualcuno che lavora per conto dell'oceano trovare una causa comune con le aziende responsabili dell'acidificazione degli oceani attraverso il rilascio di emissioni di carbonio, mentre attivamente impediscono qualsiasi azione significativa per il clima. Tuttavia, Zichal ha anche collegamenti finanziari con l'industria petrolifera e del gas. Era pagata più di $ 180.000 all'anno per fare parte del consiglio di amministrazione di Cheniere Energy, una compagnia di gas naturale. È stata nominata membro del consiglio di amministrazione di Cheniere poco dopo aver lasciato l'amministrazione Obama, dove ha servito come Vice assistente del Presidente per l'energia e il cambiamento climatico. Zichal era stata identificata come una delle principali preoccupazioni da gruppi progressisti che non volevano che Biden la coinvolgesse nella nuova amministrazione.

Ora che Biden è presidente, Zichal è stata assunta per dirigere una nuova società di lobbying per le energie rinnovabili che cercherà di utilizzare i suoi collegamenti con la nuova amministrazione per spingere per un maggiore sostegno per l'eolico e il solare. La carriera di Zichal è un perfetto esempio della "porta girevole" della politica, dove funzionari governativi di alto livello possono lasciare il lavoro nell’amministrazione per posizioni di rilievo nel mondo no profit / consulenza aziendale mentre lavorano nel consiglio di amministrazione di alcuni dei peggiori inquinatori del mondo.  

La scellerata alleanza di The Nature Conservancy con le compagnie di combustibili fossili e le grandi banche rappresenta tutto ciò che è sbagliato nell'ambientalismo moderno. Un approccio aziendale all'ambientalismo che perpetua i sistemi di dominio non è solo viziato; è destinato a fallire a lungo termine perché continua a potenziare le stesse forze che vedono la "natura" come qualcosa che può essere consumato fino a quando non è più redditizio. 

TNC non è certamente l'unica organizzazione no profit che aiuta a sostenere un sistema economico globale fondato sull'estrazione, ma è una dei maggiori beneficiari no profit di donazioni di denaro e terreni da parte del sistema. E mentre un certo numero di scienziati e sostenitori di talento sono tra i membri ordinari dei loro 3.500 dipendenti, l'organizzazione nel suo complesso soffre di una mancanza di visione. 

Sfortunatamente ci sono due problemi principali con TNC e con una gran parte del movimento ambientalista:

  1. Molte persone al suo interno non sono in grado o non vogliono riconoscere che l'estrazione senza restrizioni di risorse ambientali è intrinseca al capitalismo.

  2. Molti ambientalisti sostengono ancora l'idea malthusiana che gli esseri umani non siano in grado di coesistere con la natura. 

La missione di TNC e di gruppi simili mirante a proteggere la natura nel suo stato "selvaggio" è di per sé una nozione problematica radicata nella cancellazione degli indigeni. Prima dell'ascesa della colonizzazione europea e del commercio triangolare, centinaia di nazioni di persone vivevano nel continente americano. Hanno vissuto, cacciato, coltivato, pescato e costruito cose dal Circolo Polare Artico alla Patagonia. 

Quando creiamo una società che dice che alcuni luoghi sono per le persone e altri per la "natura", rafforziamo l'idea che va bene distruggere i luoghi che sono per le persone. Giustifica anche l'espulsione delle persone dagli spazi riservati alla "natura" e la negazione della relazione e dell'affinità tra i due. Invece, dobbiamo riconoscere che gli esseri umani ei nostri habitat sono intrinsecamente parte della natura e ricostruire i nostri sistemi di conseguenza. 

Se le persone di TNC e altre organizzazioni no profit ambientali sono veramente interessate a vivere in armonia con la natura, dovrebbero trasformare radicalmente le proprie organizzazioni per concentrarsi sul fermare un sistema economico che si basa sullo sfruttamento delle risorse naturali. Dopotutto, è stato lo squilibrio globale del potere e del modello estrattivo che originariamente ha generato la dipendenza delle Seychelles dai turisti stranieri, dalle esportazioni straniere e dagli interessi stranieri relativi alla pesca. 

Ma fino a quando TNC e la Banca Mondiale non faranno i conti con il capitalismo stesso, le obbligazioni blu aiuteranno solo a rafforzare l'ordine globale ineguale che rende le Seychelles dipendenti dagli aiuti esteri e dal debito. Che le obblogazioni siano blu o verdi, il neocolonialismo con una giustificazione ambientale è ancora solo neocolonialismo.

(2. Fine)

* Questo articolo è apparso il 25 gennaio 2021 su Uneven Earth. La versione originale in inglese è qui:  

 

23 maggio 2021 (pubblicato qui il 26 maggio 2021)