*** Prima parte ***

Neocolonialismo blu

di Kendall Dix

I paesi del Sud del mondo stanno affrontando una moderna forma di dominio economico da parte degli interessi stranieri. La storia degli europei che saccheggiano le nazioni Black and brown per trarre profitto dalle loro risorse naturali è probabilmente familiare. Ma ora che la natura stessa è stata mercificata attraverso l'economia turistica, l'ambientalismo funziona come una giustificazione per replicare le stesse vecchie dinamiche di potere coloniale. 

Sotto la bandiera della conservazione, le organizzazioni no profit verdi negli Stati Uniti hanno iniziato a utilizzare il debito pubblico delle nazioni precedentemente colonizzate come merce di scambio per costringere i governi a creare nuove riserve naturali. Poco più di due anni fa, l'organizzazione ambientalista più ricca degli Stati Uniti, The Nature Conservancy, ha collaborato con le grandi banche europee per costringere le Seychelles, una piccola nazione insulare a 1.000 miglia a est del Kenya nell'Oceano Indiano, a emettere "obbligazioni blu". Queste obbligazioni sono un nuovo strumento di debito che dovrebbe essere positivo per l'ambiente e attirare investitori che credono che Wall Street possa essere conduttore di beni pubblici. 

Le obbigazioni blu sono modellate sulle "obbligazioni verdi", un'altra soluzione per il clima basata sul mercato che può consentire alle aziende di affermare di essere impegnate in soluzioni rispettose dell'ambiente, mentre si ottengono in realtà pochi positivi benefici ambientali.

Il 29 ottobre 2018, la Banca Mondiale e The Nature Conservancy hanno annunciato che il governo delle Seychelles avrebbe emesso 15 milioni di dollari di obbligazioni blu, "uno strumento finanziario pionieristico progettato per sostenere progetti marini e di pesca sostenibili". Le obbligazioni blu funzionano proprio come le obbligazioni normali. Se un governo o una società desidera prendere in prestito denaro, emette obbligazioni che vengono vendute sui mercati obbligazionari. Il governo ottiene un pagamento anticipato in unica soluzione e poi restituisce nel tempo il denaro con gli interessi ai detentori delle obbligazioni, che possono quindi essere acquistate e vendute sui mercati proprio come le azioni. Le obbligazioni sono considerate investimenti sicuri perché i governi raramente sono inadempienti sui propri debiti. Ciò che rende "blu" le obbligazioni blu è che l'emittente dell'obbligazione dovrebbe utilizzare il denaro per la conservazione dell'oceano. Nel caso delle Seychelles, la nazione ha emesso le obbligazioni per estinguere parte del debito nazionale e trasformare il 30% delle sue barriere coralline in aree marine protette (AMP). 

The Nature Conservancy afferma che i blue bond sono "un piano audace per salvare gli oceani del mondo" e "potrebbero sbloccare 1,6 miliardi di dollari per la conservazione degli oceani". Le obbigazioni blu sono modellate sulle “obbligazioni verdi", un'altra soluzione per il clima basata sul mercato che può consentire alle aziende di affermare di essere impegnate in soluzioni rispettose dell'ambiente, mentre si ottengono in realtà pochi benefici ambientali positivi. Ad esempio, una compagnia petrolifera e del gas spagnola ha venduto obbligazioni verdi per finanziare potenziamenti alle loro raffinerie di petrolio, un progetto di dubbio beneficio ambientale dato che facilita le emissioni continue di gas serra. Eppure il progetto è stato venduto agli investitori come progetto "verde" perché prometteva di ridurre marginalmente le emissioni all'interno dell'attuale industria petrolifera spagnola.

Mentre la maggior parte della copertura mediatica sull'accordo sulle obbligazioni blu lo annunciava come una soluzione vantaggiosa per tutti, per la conservazione e per le Seychelles, nessuno sembrava accorgersi che un'organizzazione no profit statunitense utilizzava il debito estero di una nazione sovrana per usare a proprio vantaggio la chiusura di un'enorme parte delle sue zone di pesca. Dovremmo chiamare la mossa per fornire aiuti condizionali alle Seychelles fondata sul riordino della loro economia per quello che è: "neocolonialismo". Il neocolonialismo è l'estensione delle pratiche coloniali attraverso l'esercizio di pressioni economiche, politiche o culturali per controllare o influenzare nazioni precedentemente colonizzate. 
 

Divieto di pesca

I pescatori tendono ad avere opinioni contrastanti sulle AMP, e molti sono apertamente contrari. Sostengono che le AMP sono eccessivamente restrittive e puniscono economicamente i pescatori mentre mostrano limitati benefici di conservazione. I pescatori sostengono che la pesca commerciale può essere sostenibile e alcuni preferirebbero limitare le loro giornate in acqua o limitare alcuni tipi di pratiche di pesca distruttive.

Negli Stati Uniti, le iniziative di conservazione hanno preso di mira i pescatori che operano da decenni su piccole imbarcazioni. Molti di questi pescatori su piccola scala appartengono a popolazioni indigene che per secoli hanno pescato in modo sostenibile. Ad esempio, negli anni '60, le nazioni Nisqually, Puyallup e Muckleshoot dovettero lottare contro lo stato di Washington per il diritto a catturare il salmone. Gli stock di salmone dello Stato di Washington erano in calo da quando la pesca commerciale è decollata dopo la seconda guerra mondiale. Le comunità tribali erano state parzialmente accusate del declino ed erano state picchiate e arrestate dalla polizia per aver pescato ciò che era garantito loro dai trattati firmati dallo Stato. Negli anni '80, i gruppi di attivisti ambientali Greenpeace e Seashepherd hanno preso di mira le tribù indigene dell'Alaska e dell'Unione Sovietica per la pesca legale di balene. Quando i gruppi ambientalisti sono alla ricerca di vittorie facili da pubblicizzare, i popoli no-white e le nazioni in via di sviluppo come le Seychelles, con un potere politico limitato, sembrano essere facili obiettivi.

Per le Seychelles, dove più di una persona su sei lavora nel settore della pesca, il potenziale azzoppamento del secondo settore più importante del paese potrebbe avere un impatto duraturo sull'autonomia delle industrie ittiche su piccola scala nel determinarne i propri mezzi di sussistenza nonché il proprio futuro. Può darsi che i pescatori seychellesi e il pubblico in generale preferiscano la creazione di AMP per limitare la pesca commerciale, ma non c'è nulla, a livello di documentazione pubblica, che indichi che ciò sia mai stato chiesto loro. Se il popolo delle Seychelles avesse voluto creare AMP, la nazione avrebbe avuto già istituzioni democratiche con cui provvedere. Condizionare gli aiuti necessari alla creazione delle riserve naturali, lo priva della sovranità nazionale. 
 

Indebitati fino al collo

Nel 2008, le Seychelles sono andate in default sul loro debito nazionale verso banche estere. La nazione doveva ingenti somme di denaro alle banche dell'Unione Europea, in gran parte ai suoi ex colonizzatori Francia e Gran Bretagna. Il debito delle Seychelles aveva raggiunto livelli insostenibili a causa di due fattori principali. In primo luogo, la nazione insulare è stata dalla parte perdente del commercio estero ineguale, per cui importa beni costosi come petrolio e yacht mentre esporta risorse naturali relativamente poco costose, come il tonno per inscatolamento. In secondo luogo, la capacità delle Seychelles di generare entrate è stata limitata a causa delle agevolazioni fiscali eccessivamente generose offerte agli investitori stranieri durante la loro transizione verso un'economia basata sul turismo e sul paradiso fiscale. Quando le nazioni non possono generare entrate attraverso la tassazione o le esportazioni, ma devono comunque importare beni costosi per finanziare lo sviluppo economico, i loro governi non hanno altra scelta che prendere in prestito denaro da banche straniere. 

Quando l'economia globale è crollata nel 2008, il turismo verso le Seychelles ha subìto un rallentamento. Allo stesso tempo, i prezzi del petrolio sono schizzati alle stelle e hanno paralizzato ulteriormente un'economia, quella delle Seychelles, dipendente dalle importazioni di petrolio.

Dal punto di vista economico dell'UE, i problemi delle Seychelles non sono derivati dal capitalismo globale estrattivo e da rapporti di debito coercitivi, ma da programmi interni eccessivamente generosi che sostengono la seconda popolazione più longeva dell'Africa subsahariana. Questa opinione è illustrata da una dichiarazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) secondo cui il socialismo aveva "eroso l'etica del lavoro" delle Seychelles, una dichiarazione che è scioccante nel suo obnubilare i rapporti di debito ineguali, la sua persecuzione maccartista e il suo posizionamento di valore sulla crescita economica al di sopra del benessere della popolazione delle Seychelles. 

Nel 2010, la Francia ha condonato circa il 5% del debito totale delle Seychelles, ma il FMI aveva altri piani per il resto. In una mossa uscita direttamente da un copione tratto da "Shock Economy" di Naomi Klein, il FMI ha chiesto alle Seychelles di liberalizzare ulteriormente la propria economia e di ridurre la spesa per il welfare in cambio di una ristrutturazione dei pagamenti del debito fino al 2017. La liberalizzazione in genere comporta la riduzione delle barriere commerciali, la revoca delle normative finanziarie e ambientali, il taglio dei benefici pubblici e la privatizzazione delle risorse pubbliche. I paesi europei e gli Stati Uniti hanno spesso armato massicciamente nazioni in via di sviluppo per liberalizzare le loro economie e consentire alle multinazionali di estrarre valore dalle loro risorse naturali.

Quando l'accordo sulla ristrutturazione del debito è scaduto, The Nature Conservancy (TNC) è emersa dal settore no profit per sfruttare il debito e per limitare il settore della pesca delle Seychelles. L'amministratore delegato di TNC all'epoca era Mark Tercek, ex direttore generale e partner della banca di investimenti Goldman Sachs. Tercek ha scritto un libro intitolato "Nature's Fortune: How Business and Society Thrive by Investing in Nature" [Il patrimonio della natura. Come le imprese e la società prosperano investendo nella natura - NdT], che descrive in dettaglio come le grandi imprese potrebbero trarre profitto dalla conservazione ambientale. Le obbligazioni blu sono un esempio della realizzazione della visione di Tercek di banche e gruppi ambientalisti che traggono profitto dalla conservazione. 

(1. Continua)

* Questo articolo è apparso il 25 gennaio 2021 su Uneven Earth. La versione originale in inglese è qui:  

 

18 maggio 2021 (pubblicato qui il 24 maggio 2021)