*** Prima Parte ***

La palma da olio in America Latina: monocoltura e violenza/1

di GRAIN


La mania globale della palma da olio

Le piantagioni di palma da olio stanno rapidamente guadagnando terreno in America Latina, spingendo le comunità ad abbandonare le loro terre e causando deforestazione, violenza e povertà.

La produzione globale di olio di palma è aumentata di quasi il 600%, passando da 14,72 milioni di tonnellate nel 1994 a 80,58 milioni di tonnellate nel 2021. Anche l'area coltivata si è espansa drasticamente, passando da 7,86 milioni di ettari nel 1994 a 28,91 milioni di ettari nel 2021.1 I molteplici usi dell'olio di palma, insieme al suo prezzo relativamente basso, sono fattori che hanno guidato una domanda costante, nonostante i problemi e i conflitti nei territori contadini, indigeni e afro-discendenti.
 

                       


Il consumo di olio di palma è aumentato negli ultimi 30 anni dal 2% al 41% della produzione totale di olio a livello mondiale, sostituendo l'olio di soia come olio vegetale più consumato al mondo.3 
Questa domanda è dovuta, in particolare, alle grandi multinazionali alimentari che cercano materie prime più economiche per produrre prodotti ultra-lavorati e agrocarburanti. In altre parole, la domanda di questo olio è legata ai profitti, piuttosto che fornire alle persone un'alimentazione sana.

L'industria continua a cercare terreni per espandere la coltivazione. Questa espansione è possibile solo in alcune aree tropicali con abbondanti precipitazioni. Con l'84% della produzione di olio di palma concentrata in Malesia e Indonesia e con una carenza di terra per espandere la coltivazione, l'industria è alla ricerca di nuovi orizzonti.4 L'America Latina e l'Africa occidentale sono diventate le nuove aree di espansione.

Quasi senza eccezioni, le piantagioni di palma portano a una povertà estrema e a un aumento della violenza.6 In molti casi, le imprese promuovono l'espansione delle piantagioni su terreni che sconfinano in aree in cui le comunità hanno costruito i loro mezzi di sostentamento sull'agricoltura e su altre attività di sussistenza. Alcuni degli impatti di queste piantagioni includono la deforestazione di massa, l'accaparramento illegale di terre, l'inquinamento, la distruzione delle fonti idriche e la perdita di terra per l'agricoltura di sussistenza. Inoltre, le donne sopportano una parte sproporzionata delle conseguenze, e sono ora le principali vittime di questo modello di produzione monocolturale. 7

Nonostante ciò, i governi e le multinazionali promuovono queste piantagioni sulla base di una serie di false promesse, come la creazione di posti di lavoro nelle aree rurali, un aumento del reddito per le comunità contadine, migliori infrastrutture come scuole e centri sanitari, ecc. Nella maggior parte dei casi, queste promesse non si realizzano mai. 8

 

Espansione dell'olio di palma in America Latina

In questa regione, la superficie coperta da piantagioni di palma ha continuato a crescere, in particolare dal 2000. Attualmente i principali paesi produttori di palma nella regione sono Colombia, Honduras, Guatemala, Brasile ed Ecuador.9

                                             

Inoltre, le esportazioni di olio di palma dall'America Latina vanno principalmente verso l'Unione Europea, gli Stati Uniti e il Messico, per essere utilizzate dalle grandi multinazionali nella produzione di alimenti ultra-lavorati.

                                                 


La Colombia è il principale produttore di palma da olio in America Latina. Ha quasi 500.000 ettari. Queste piantagioni e la loro espansione si trovano in aree in cui nel paese sono presenti gruppi armati. 
12 Le monocolture di palma da olio in Colombia tendono ad essere dominate dai grandi proprietari terrieri. In molti casi, hanno ampliato le loro piantagioni sfollando migliaia di contadini dalle loro terre, usando la violenza e l'intimidazione. Nella regione di Tumaco, ad esempio, è stato documentato come i proprietari terrieri si siano impadroniti delle terre dei contadini attraverso intimidazioni, trucchi legali e corruzione delle autorità locali.13  Un gran numero di imprese di coltivazione della palma sono state fondate nelle aree di conflitto durante gli anni della violenza armata nel paese. La coltivazione della palma da olio è stata collegata a gruppi paramilitari e identificata come causa di atti di violenza contro i contadini nelle regioni in cui operano .14

Molti degli impatti causati dalle compagnie petrolifere di palma colpiscono i territori indigeni. Ad esempio, il popolo Sikuani, che ha subito varie forme di violenza a causa del conflitto armato interno, è stato infine espulso dalla sua terra da una compagnia dell’olio di palma. Questo ha costretto i Sikuani a cambiare il loro modo di vita. La perdita della terra per coltivare il proprio cibo ha portato allo spostamento dei membri del popolo Sikuani nelle aree urbane circostanti, dove soffrono la fame e il sovraffollamento. 15 L'ultimo accaparramento di terreni in Colombia ha coinvolto anche le compagnie dell'olio di palma, come la società italo-spagnola Polygrow, che ha recentemente sequestrato migliaia di ettari per espandere le sue piantagioni di palma da olio.16  L'accaparramento delle terre da parte dell'agrobusiness della palma avviene spesso con il sostegno di politiche pubbliche favorevoli, scarsa supervisione statale e attraverso la violenza e le minacce ai contadini e alle popolazioni indigene.

In Ecuador, la coltivazione della palma da olio rappresenta il 4% del prodotto interno lordo agricolo. Le piantagioni di palma sono cresciute a un tasso medio annuo dell'8%, rendendola la settima più grande esportazione agricola del paese.17 Oggi ci sono quasi 152.000 ettari di palma da olio. 18 I grandi produttori di olio di palma si trovano principalmente nelle province di Esmeraldas, Sucumbios e Los Rios.19 Mentre diverse comunità indigene e afro-discendenti, in particolare nella provincia di Esmeraldas, hanno ricevuto atti fondiari collettivi, scappatoie legali hanno permesso che singoli atti sulla stessa terra venissero venduti a compagnie di olio di palma, come l’Energy & Palma.20 Ciò ha portato ad almeno due dispute per la terra tra le comunità afro-ecuadoriane e la società Energy & Palma negli ultimi anni.21

Nel 2015, migliaia di ettari di palme sono stati colpiti dall'epidemia di "marciume delle gemme". I piccoli coltivatori di palma, che rappresentano la maggioranza dei proprietari di piantagioni di palma in Ecuador, sono stati quelli che si sono indebitati e hanno perso tutto. Questi piccoli agricoltori avevano ottenuto prestiti, messo in garanzia la loro terra e poi non erano stati in grado di vendere i loro prodotti. Anche le grandi imprese hanno perso parte dei loro prodotti, ma non hanno perso la loro terra e hanno avuto altre risorse economiche su cui contare.22 Hanno anche approfittato della crisi per acquistare terreni a prezzi inferiori a quelli di mercato e consolidare ulteriormente il loro controllo.

In Bolivia, le piantagioni di palma sono fortemente promosse dal governo come un modo per sostituire le importazioni di carburante. Per quanto riguarda il gasolio, un decreto del 2022 ha istituito il "programma per promuovere la coltivazione delle specie oleaginose.23 Il suo obiettivo principale è quello di sviluppare le colture di palma da olio, jatropha e macororó per la produzione di biodiesel.24

Il governo boliviano intende espandere l'area delle piantagioni di oltre 60.000 ettari nei prossimi anni.25 Il Coordinamento Nazionale per la Difesa dei Territori Indigeni Contadini e delle Aree Protette della Bolivia (Coordinadora Nacional de Defensa de Territorios Indígenas Originarios Campesinos y Áreas Protegidas de Bolivia) è stata una delle prime organizzazioni a denunciare l'espansione e l'impatto delle monocolture di palma.26

In America Centrale, il Guatemala è uno dei principali produttori di olio di palma con 210.000 ettari di piantagioni di palma. Numerosi conflitti sono stati segnalati nel paese a causa di questa monocoltura, principalmente a causa dello spostamento delle comunità indigene e contadine dalle loro terre a seguito dell'espansione di queste piantagioni. 27

In Honduras sono registrati quasi 210.000 ettari di palme. L'espansione della palma sta avvenendo nei territori indigeni e afro-discendenti, in particolare nelle comunità Garifuna e Bajo Aguan. Queste comunità sono soggette a violenze, molestie e minacce da parte dei gruppi militari e paramilitari legati ai politici del paese.28 Le piantagioni di palma da olio in Honduras beneficiano di una serie di incentivi fiscali e politiche pro-espansione promosse da gruppi potenti. 29

In Nicaragua ci sono 35.000 ettari di palma da olio. Tuttavia, si ritiene che la cifra sia più alta a causa dell'espansione non autorizzata, senza alcuna supervisione da parte delle autorità locali. Molte delle imprese della palma da olio esistenti in Nicaragua sono riuscite ad espandere le piantagioni illegalmente, affittando terreni a piccoli agricoltori o attraverso l'agricoltura a contratto. Inoltre, sfollano le comunità e si stabiliscono su terreni di conservazione dello Stato senza incorrere in sanzioni.

Il Brasile ha visto una rapida espansione negli ultimi anni. Oggi, nello stato del Pará ci sono circa 200.000 ettari di piantagioni di palma, la cui produzione è attualmente destinata al mercato interno. Ci sono piani di espansione in altri stati, ad esempio 120.000 ettari nel comune di São João de Baliza nello stato di Roraima, per il progetto Brazil Biofuel (BBF). È usato come agrocarburante nel paese.30
BBF è la principale azienda brasiliana dedicata alla produzione di palma da olio. È stata accusata di crimini ambientali e violenze contro le comunità, come la comunità di Virgílio Serrão Sacramento, legata al Movimento dei Piccoli Agricoltori (Movimiento de Pequeños Agricultores - MPA).31 Per la maggior parte, l'impresa fornisce olio di palma alle multinazionali alimentari.

(1. Continua)

Tratto da GRAIN. Qui l'originale in spagnolo.


Note: 

1] FAOSTAT, Producción de aceite de palma en el mundo, 2024. https://www.fao.org/faostat
2] FAOSTAT, Producción de aceite de palma en el mundo, 2024. https://www.fao.org/faostat
3] Timothy J. Kileen, “Que requiere la palma aceitera para llegar a los mercados”, Mongabay, 13 de noviembre de 2023. https://es.mongabay.com/2023/11/que-requiere-la-palma-aceitera-para-llegar-a-los-mercados-internacionales/
4] Estatista, Estadísticas de palma aceitera, 2024 https://es.statista.com/grafico/23123/cantidad-de-aceite-de-palma-producido-por-pais/
5] USDA, Palm Oil Production 2023-2024, Production commodities, 2024 https://fas.usda.gov/data/production/commodity/4243000
6] Amigos de la tierra. “RSPO: 14 años de fracaso en eliminar la violencia y la destrucción generadas por el sector del aceite de palma industrial”, 12 de noviembre de 2018 https://www.foei.org/es/rspo-14-anos-de-fracaso-en-eliminar-la-violencia-y-la-destruccion-generadas-por-el-sector-del-aceite-de-palma-industrial/
7] WRM, “Indonesia: las plantaciones de palma aceitera y su trazo de violencia contra la mujer, Boletín 236, 7 de marzo de 2018” https://www.wrm.org.uy/es/articulos-del-boletin/indonesia-las-plantaciones-de-palma-aceitera-y-su-trazo-de-violencia-contra-la-mujer
8] WRM “Palma Aceitera en África. Voces desde las comunidades”. WRM videos, 2013 https://youtu.be/c5hxrW_oHlc?si=4ASgr_Oqf7pFnoPT
9] USDA, Palm Oil Production 2023-2024, Production commodities, 2024 https://fas.usda.gov/data/production/commodity/4243000
10] FAOSTAT Producción de aceite de palma en el mundo, 2024 https://www.fao.org/faostat
11] Trade Map, “Estadísticas de palma aceitera”, 2024. https://www.trademap.org/Index.aspx
12] Bram Ebus, “Colombia: ‘nueva ofensiva’ del aceite de palma es criticada por condiciones laborales, Mongabay” 28 de enero de 2018 https://es.mongabay.com/2018/01/colombia-aceite-de-palma-ofensiva/
13] Natalia Arenas, “Restitución de tierras de palma de aceite”, Mongabay, 3 de diciembre 2018 https://es.mongabay.com/2018/12/restitucion-de-tierras-palma-de-aceite-colombia/
14] Flor Osorio, “Tramas entre paramilitarismo y palmicultura en Colombia”, Memoria y Sociedad, vol. 19. núm. 39, 2015 https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=5428164
15] Mongabay Latam y Rutas del Conflicto, “La palma que reemplazó el territorio ancestral Sikuani en el Vichada”, Mongabay, 2021 https://rutasdelconflicto.com/notas/la-palma-reemplazo-el-territorio-ancestral-sikuani-el-vichada
16] Wilson Arias, Así se roban la tierra en Colombia, 2020 https://kavilando.org/lineas-kavilando/territorio-y-despojo/7906-asi-se-roban-la-tierra-en-colombia-libro
17] Ministerio de la Producción del Ecuador, Informe sobre la Palma, 2019 https://www.produccion.gob.ec/wp-content/uploads/2019/06/informe-palma-espa%C3%B1ol-.pdf
18] FAOSTAT Producción de aceite de palma en el mundo, 2024. https://www.fao.org/faostat
19] INEC-ESPAC, Estadísticas agropecuarias, 2022 https://www.ecuadorencifras.gob.ec/documentos/web-inec/Estadisticas_agropecuarias/espac/espac-2020/Presentacion%20ESPAC%202020.pdf
20] Alianza Periodística tras las Huellas de la Palma, “La palma aceitera desnuda la ausencia de fiscalización en un mercado clave en Ecuador”, Mongabay, 2021. https://es.mongabay.com/2021/11/la-palma-aceitera-desnuda-la-ausencia-de-fiscalizacion-en-un-mercado-clave-en-ecuador/
21] Susana Morán, “David y Goliat: la disputa entre una pequeña comunidad afro y Energy & Palma”, Plan V, 18 de septiembre de 2017 https://www.planv.com.ec/historias/sociedad/david-y-goliat-la-disputa-entre-una-pequena-comunidad-afro-y-energy-palma
22] “Comunidades en resistencia contra la impunidad y los impactos de las palmicultoras en Ecuador: Casos en Esmeraldas”, Boletin WRM 129, 28 de abril de 2008 https://www.wrm.org.uy/es/articulos-del-boletin/ecuador-impactos-sociales-y-ambientales-de-la-palma-aceitera
23] Gaceta oficial del Estado plurinacional de Bolivia, “Decreto Supremo Nº 4764”, 20 de julio de 2022, http://gacetaoficialdebolivia.gob.bo/normas/buscar/4764
24] La palma da olio è prevista in Amazzonia, mentre la jatropha e il macororó saranno piantati a Santa Cruz, Chuquisaca e Tarija (nella regione del Chaco boliviano).
25] Yuri Flores, “Bolivia prevé producir este año 10 millones de plantas aceiteras para elaborar biodiésel”, La Razón, 25 de enero de 2023, https://www.la-razon.com/lr-article/bolivia-preve-producir-este-ano-10-millones-de-plantas-aceiteras-para-elaborar-biodiesel/
26] CONTIOCAP, Resolución del IV encuentro de la coordinadora nacional de defensa de territorios originarios campesinos y áreas protegidas, 1-3 septiembre de 2023, https://www.facebook.com/photo?fbid=1413450769148934&set=pcb.1413452449148766
27] Sandra Cuffe, “La expansión de la palma aceitera alimenta conflictos agrarios en Guatemala”, Prensa Comunitaria, 2021 https://prensacomunitaria.org/2021/11/el-estor-la-expansion-de-la-palma-aceitera-alimenta-conflictos-agrarios-en-guatemala/#:~:text=La%20expansi%C3%B3n%20de%20la%20industria,agrarios%20entre%20empresas%20y%20comunidades.
28] Salva la Selva. Palma Aceitera desangra Honduras, Petición en el sitio web https://www.salvalaselva.org/peticion/887/palma-aceitera-desangra-a-honduras
29] Henry Picado, “Palma aceitera como política de Estado en Centroamérica”, Biodiversidad, sustento y culturas, febrero de 2017 https://grain.org/e/5663
30] Gabriel Chiappini, “Vibra Energia fecha parceria com BBF para vender SAF em 2025”, estudio epbr, BBF 2022. https://www.brasilbiofuels.com.br/noticias/vibra-energia-fecha-parceria-com-bbf-para-vender-saf-em-2025/
31] WRM, “Desiertos verdes: el avance de los monocultivos de palma aceitera en la Amazonía en Pará, Brasil”. Boletín WRM 261, 16 de junio de 2022 https://www.wrm.org.uy/es/articulos-del-boletin/avance-de-los-monocultivos-de-palma-aceitera-en-la-amazonia-en-para-brasil


 

05 giugno 2024 (pubblicato qui il 09 giugno 2024)