Il fallimento della governance globale delle foreste

di The African Centre for Biodiversity (ACB)

L'allarmante perdita di copertura forestale a livello globale – le cui cause sono trattate in questo saggio nel contesto dell’Africa Occidentale e Centrale e in relazione alle emergenze climatica e zoonotica -  ha portato all’assunzione di impegni per preservarla.
Ma gli approcci convenzionali alla governance delle foreste si concentrano sull’instaurazione e sulla protezione di diritti di proprietà privata, sulla creazione di mercati e sulla mobilitazione di finanziamenti privati. Essi non sono riusciti ad affrontare in modo efficace ed equo i fattori alla base della deforestazione (Delabre et al., 2020).
Nonostante l'enfasi sull'interconnettività dell'Accordo di Parigi e degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e l'adozione di impegni globali per la protezione delle foreste da parte di attori pubblici, privati e della società civile, la deforestazione e il degrado continuano senza sosta (Curtis et al., 2018), con 12 milioni di ettari di perdita di copertura arborea tropicale registrata nel 2018, inclusi 2,6 milioni di ettari di foresta pluviale primaria (World Resources Institute, 2019).

I problemi ambientali come il cambiamento climatico e la deforestazione sono stati affrontati principalmente come problemi tecnologici o ingegneristici, che possono essere risolti con strumenti basati sul mercato o attraverso la mobilitazione di risorse finanziarie, come nel caso della Riduzione delle Emissioni da Deforestazione e Degrado forestale (REDD+) e della governance privata delle foreste (Delabre et al., 2020).
Delabre et al (2020) sostengono che in effetti le "soluzioni" egemoniche offerte creano vincoli socio-istituzionali per la sostenibilità globale delle foreste, da cui conseguono gravi ostacoli alla trasformazione sostenibile, socialmente giusta ed ecologica.
Tali espressioni di potere discorsive, istituzionali e materiali, basate su storiche eredità coloniali, favoriscono gli investimenti privati e l’ulteriore sfruttamento delle risorse forestali mondiali (Delabre et al., 2020).

Gli approcci basati sul mercato sono altamente tecnici e burocratici, e affidano essenzialmente la responsabilità della governance forestale ad attori privati.
L'eredità del sistema delle aree protette e delle compensazioni del carbonio basate sulle foreste evidenzia la falsità di queste "soluzioni".
Sono state proposte per la deforestazione e il degrado ecologico, "soluzioni di intensificazione" basate su standard di sostenibilità volontari , che promettono un risultato "win-win-win" (*) di eliminazione della deforestazione, aumento della produttività agricola e riduzione della povertà (Weber e Partzsch, 2018).

Ciò promuove una maggiore produttività della produzione di materie prime per l’esportazione e l'esclusione di sistemi alternativi per gestire le risorse naturali a vantaggio dei cittadini locali (Spann, 2017). Le "politiche dello sviluppo" generano entrate lucrative per le imprese, ma anche per i politici e i loro alleati, in particolare nel contesto dell'espansione delle monocolture su larga scala.
La Roundtable on Sustainable Palm Oil (**), ad esempio, si concentra esclusivamente sulla protezione di aree ad “Alto Valore di Conservazione e ad Elevato Stoccaggio di Carbonio”, il che crea scappatoie affinché i paesi e le aziende continuino a operare in modo non etico e non ecologico ed ha impatti disastrosi sulle comunità locali sotto il pretesto della conservazione (WRM, 2020).

Zoonosi, un Cavallo di Troia della “conservazione della fortezza”

Questa crescente consapevolezza nel dibattito internazionale sul fatto che la distruzione degli ecosistemi selvaggi abbia creato una "tempesta perfetta per la diffusione delle malattie" (IPBES 2020) sta rapidamente diventando un Cavallo di Troia, stimolando programmi di conservazione che mirano a tagliare le persone fuori dalla fonte delle loro risorse.
I governi, le industrie, le ONG conservazioniste internazionali e gli investitori finanziari stanno amplificando la loro narrazione sull’espansione delle aree protette in tutto il mondo come una "soluzione globale" a quelle che vengono descritte come crisi separate del clima e della biodiversità.

I parchi nazionali imposti come recinti della conservazione hanno impatti di vasta portata a livello locale, che vanno dall'espropriazione della terra, alla segregazione sociale e politica, all'accumulazione di risorse e all'estrazione di ricchezza e alla militarizzazione delle pratiche di conservazione (Beinart, 2000; Brockington e Homewood, 2001; Fairhead e Leach, 1996; Masse e Lunstrum, 2016; Marijnen, 2018; 2004; Peluso e Vandergeest, 2011; Titeca et al., 2020; Verweijen e Marijnen, 2018). Questo riproduce relazioni economiche, sociali e politiche che ricordano l'era coloniale dell'Africa, oscura e oppressiva (Titeca et al., 2020).

Il modello di conservazione è cambiato e si è evoluto. I parchi nazionali e i ministeri della protezione ambientale vendono e privatizzano la conservazione, con le grandi ONG della conservazione che gestiscono le aree e/o i progetti REDD+; operando come attori quasi statali.
Il rimboschimento naturale è un processo molto lungo, e quindi il rimboschimento viene spesso attuato in pratica attraverso piantagioni, con il carbonio come principale misura del successo, assimilando profondamente questa falsa soluzione alla crisi e distogliendo l'attenzione dalle questioni strutturali e sistemiche.i
I progetti REDD+ non sono trasparenti, il che rende molto difficile verificarli e valutarli.ii
Inoltre, la nuova narrazione ambigua e onnicomprensiva, le soluzioni basate sulla natura come parte delle soluzioni naturali per le crisi del clima e della biodiversità, sono altrettanto profondamente sconcertanti (ACB e TWN 2020).

A questo proposito, il World Rainforest Movement (WRM) denuncia quello che descrive come il "piano dell'industria della conservazione" per raddoppiare le dimensioni delle aree protette (WRM 2020), un'intenzione descritta anche come Half-Earth Project.iii Il World Rainforest Movement sostiene che i negoziati della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD) o l'Accordo di Parigi delle Nazioni Unite si basano su analisi distorte di ciò che sta causando la perdita di biodiversità e la deforestazione, o ciò che potrebbe causare questa distruzione. Mentre lanciano l'allarme e promuovono le cosiddette "soluzioni", questi stessi attori e forum continuano a promuovere e facilitare le cause dirette alla base della perdita di foreste e biodiversità (WRM 2020) sotto le molte sembianze di compensazioni REDD+, ecoturismo, ambizioni di Half-Earth e Certificazione a marchio nord come il Forest Stewardship Council (FSC).iv

Le società minerarie, ad esempio, operano in diverse cosiddette aree protette in tutto il mondo (Global Witness 2018).
I cosiddetti Siti del Patrimonio Mondiale sono minacciati in Venezuela, Messico, Perù, Repubblica Democratica del Congo, Indonesia, Guinea, Costa d'Avorio e Sudafrica.
"La realtà è che il taglio di legname su scala industriale, le attività minerarie, l'estrazione di combustibili fossili e la produzione basata sulla monocoltura hanno distrutto migliaia e migliaia di complesse correlazioni e interdipendenze nelle foreste, anche con e tra le popolazioni delle foreste" (WRM 2020).
Testimonianza di tali abusi nella stessa RDC è l'apertura di due parchi nazionali, Salonga (parte centrale del Paese) e Virunga (nord-est) - entrambi classificati nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO - allo sfruttamento petrolifero attraverso ordinanze emanate dall'allora presidente Joseph Kabila alla fine del 2018.

Queste declassificazioni sono avvenute in violazione della legislazione congolese sulla protezione dell'ambiente e sulla conservazione della natura, che vieta ogni attività industriale nei parchi nazionali.
Nel caso del Salonga Park, è stata accordata a una società sudafricana, Dig Oil Ltd, una concessione di sfruttamento i cui bordi sconfinano nel Parco (Hecketsweiler e Freudenthal, 2019).
Un episodio simile si era già verificato all'inizio del 2018 quando la società CoMico, registrata a Guernsey, si era aggiudicata un’area petrolifera che invadeva questo stesso Parco (Global Witness, 2019).

La figura [a fianco] illustra gli usi del suolo sovrapposti e conflittuali assegnati all'interno e intorno alle aree protette nel bacino del Congo. Molte zone di confine con concessioni per il taglio di legname si sovrappongono a concessioni minerarie o a concessioni petrolifere.

Conservazione attraverso l'espropriazione nel bacino del Congo

Nel bacino del Congo il rapporto tra i popoli della foresta e gli ambientalisti è in gran parte conflittuale.
Lo Stato congolese mira a proteggere formalmente almeno il 17% della superficie del paese. Attualmente circa l'11% del territorio nazionale è coperto da aree protette. Tali progetti utilizzano vaste misure di sicurezza per proteggere queste aree, compresa la violenza contro le comunità locali, con le donne che sono le più vulnerabili. Alle comunità vicine a molte di queste foreste è vietato l'accesso e l'uso delle risorse (IUCN, 2016).
La ricerca investigativa ha scoperto che le aree protette non riescono a raggiungere i propri obiettivi di conservazione, con il bracconaggio che persiste ampiamente e le popolazioni di grandi mammiferi in calo a tassi allarmanti, nonostante le forti restrizioni all'accesso e all'uso delle aree protette (Pyhälä et al., 2016).

Nel bacino del Congo, le comunità locali e indigene non hanno praticamente alcuna garanzia di possesso sulle loro terre tradizionali.
In quasi tutti i casi, gli interessi commerciali oscurano i diritti delle popolazioni locali e indigene quando si tratta di allocare l'uso della terra (IUCN, 2016), il che significa che le allocazioni per altri usi (senza compensazione) - in particolare il taglio del legname, le concessioni minerarie e petrolifere, le piantagioni agro-industriali, che includono aree protette - stanno spingendo queste comunità in territori sempre più esigui, dove lavorano duramente per soddisfare la loro sussistenza e i bisogni primari.
Le comunità indigene e locali soffrono in modo sproporzionato, dal momento che i territori tradizionali delle popolazioni indigene coincidono in gran parte con aree destinate alla conservazione (Pyhälä et al., 2016).
Queste restrizioni hanno gravemente colpito la libertà di movimento delle persone e il diritto di utilizzare secondo gli usi tradizionali i loro territori e le loro risorse.
Hanno avuto profondi impatti dannosi sulla sicurezza alimentare, nutrizionale e dei mezzi di sussistenza locali.
Questa situazione erode e mina gravemente l'identità, la cultura, il cibo e i sistemi sociali delle persone.
Le donne, in particolare, subiscono gravi conseguenze negative, inclusi alti livelli di violenza sessuale,v e le loro voci sono spesso messe a tacere (DRC Min. of Environment, Nature Conservation and Tourism 2020).


(*) Un risultato win-win è una situazione dove tutti gli attori coinvolti ricevono un vantaggio.
(**) LA RSPO è un'organizzazione no-profit che unisce i “portatori di interesse” del settore dell'olio di palma: produttori, trasformatori o commercianti di palma da olio, produttori di beni di consumo, rivenditori, banche/investitori e ONG. Sviluppa i criteri ambientali e sociali da seguire per certificare l’olio di palma “sostenibile” (CSPO).


Il fallimento della governance globale delle foreste”  è tratto da un documento più ampio che analizza le epidemia di Ebola nell’Africa Occidentale e Centrale, in un contesto di espansione della deforestazione e dell’agricoltura industriale, perdita di biodiversità, l’indebolimento delle forme  di sussistenza rurali e dei sistemi sanitari pubblici.

Multiple shocks and the Ebola and Covid pandemicsin West and Central Africa: extraction, profiteering and shattered food systems and livelihoods
The African Centre for Biodiversity (ACB)
Discussion Paper - The African Centre for Biodiversity, South Africa - Dicembre 2020 - 47 pp.

Download: 


NOTE:

i Teresa Pérez e Winnie Overbeek, World Rainforest Movement, intervista telefonica 23 luglio 2020.

ii Ibid.

iii Half-Earth Project è un “invito a proteggere metà della terra e del mare per gestire un habitat sufficiente a salvaguardare la maggior parte della biodiversità”. Secondo questa teoria, la frazione di specie protette, se il 50% del pianeta è posto sotto aree di protezione, sarà dell'85% (Half-Earth Project, 2020) con poca considerazione per le questioni di giustizia ambientale e benessere umano (Schleicher et al. , 2019).

iv L'FSC è un sistema internazionale per la certificazione del legno sostenibile, che è risultato avere avuto un impatto minimo sulla riduzione della deforestazione tropicale e ha persino contribuito a mascherare di verde il traffico illegale di legname (Conniff, 2018).3232

v https://wrm.org.uy/all-campaigns/breakingthe-silence-violence-contro-le-donne-nelle-piantagioni-industriali-di-palme-e-gomma/

 

28 settembre 2021 (pubblicato qui il 01 ottobre 2021)