***Terza parte***

Le origini dei patogeni dell’agricoltura industriale

di Rob Wallace, Alex Liebman, David Weisberger, Tammi Jonas, Luke Bergmann, Richard Kock e Rodrick Wallace

Bestiame e pollame: Industrializzare l’evoluzione degli agenti patogeni

Una zootecnia nettamente monetizzata si palesa nelle epizoologie peculiari della nostra epoca.
Le condizioni delle megafattorie selezionano una vasta gamma di malattie mortali che smentiscono le invocazioni autoassolutorie dell’industria della “biosicurezza”.[1]
Tra i recenti patogeni prodotti dall’allevamento o di origine alimentare, emergenti e riemergenti,  di crescente letalità ed estensione epidemica troviamo la peste suina africana, Campylobacter, COVID-19, Cryptosporidium, Cyclospora, Ebola Reston, E. coli O157:H7, afta epizootica, epatite E, Listeria, virus Nipah, febbre Q, Salmonella, Vibrio, Yersinia, e un assortimento di nuove varianti dell’influenza A, tra cui H1N1 (2009), H1N2v, H3N2v, H5N1, H5N2, H5Nx, H6N1, H7N1, H7N3, H7N7, H7N9 e H9N2.[2]
Nel contrapporre l’ingegneria industriale di Frederick Taylor a Charles Darwin (e Marx), la crescita di vaste monoculture rimuove le barriere immunogenetiche che nelle popolazioni più diversificate interrompono l’espandersi della trasmissione.[3]
Gli agenti patogeni si evolvono abitualmente attorno ai genotipi immunitari ospite ormai usuali. Le densità del settore possono anche deprimere la risposta immunitaria.[4]
Mandrie di maggiori dimensioni e densità selezionano i ceppi patogeni in base all’aumento dei tassi di trasmissione e alle infezioni ricorrenti.[5]
L’elevato volume di produzione offre una fornitura continuamente rinnovata di soggetti predisposti a patologie a livello di stalla, fattoria e regione, eliminando il limite demografico riguardo all’evoluzione della letalità degli agenti patogeni.[6]
Poiché la persistenza di agenti patogeni acuti è selezionata anche dalle dimensioni della popolazione di bestiame industriale di ordini di grandezza inferiori a quelle umane, tale produzione può amplificare il salto di specie della malattia nella popolazione umana.[7]La modellizzazione matematica e una molteplicità di dati suggeriscono ulteriori perversità epizoologiche.[8]
Diminuire l’età dell’uccisione a sei settimane nei polli e a ventidue nei suini può determinare una maggiore virulenza e viremia dell’agente patogeno, in grado di sopravvivere a sistemi immunitari più robusti.[9]
La produzione “all-in/all-out”, un tentativo di controllare i focolai allevando gruppi in lotti, può introdurre la condizione ottimale per la trasmissione a livello di stalla o di azienda agricola. La pratica può determinare una soglia di infezione della popolazione per stalla che si allinea con i tempi di finitura stabiliti dall’industria per le sue mandrie o i suoi greggi.[10]
Cioè, i ceppi di successo sviluppano corsi di vita che uccidono animali da allevamento cresciuti e prossimi alla macellazione, quando il bestiame è più prezioso per gli allevatori. Senza riproduzione in loco e con l’allevamento condotto all’estero principalmente per i soli tratti morfometrici, le popolazioni di bestiame non sono in grado di sviluppare la resistenza alle infezioni circolanti.[11]
La selezione naturale viene eliminata come servizio ecosistemico, non più in grado di svolgere un lavoro gratuito per gli allevatori. La modellizzazione sta trovando supporto nella documentazione storica. Gli aumenti della virulenza dell’influenza aviaria sono stati documentati quasi esclusivamente nelle aziende commerciali più grandi.[12]
Oltre il cancello della fattoria, l’allungamento dell’estensione geografica del fiorente commercio di animali vivi ha ampliato la diversità dei segmenti genomici che i loro agenti patogeni scambiano, aumentando la velocità e le combinazioni su cui gli agenti patogeni esplorano le loro possibilità evolutive.[13]
Maggiore è la variazione della loro genetica, più rapidamente evolvono le popolazioni di agenti patogeni.
Anche le strategie di successo nella biosicurezza hanno i loro costi. Sia con l’igiene quotidiana che con l’abbattimento di emergenza, la resistenza alle malattie della popolazione può essere filtrata, possono essere rimossi i sierotipi meno virulenti che escludono i loro concorrenti più virulenti ed è possibile che vengano rimosse le esposizioni che lo sviluppo immunitario naturale richiede, inclusi gli epitopi patogeni che provocano protezione cross-reactive.[14]
I vaccini - che certamente hanno il loro posto nella salute degli animali per l’alimentazione - possono anche mascherare o determinare l’evoluzione della virulenza in condizioni industriali.[15]
Le fattorie che richiedono una biosicurezza rigorosa sono tipicamente raggruppate spazialmente come parte della spinta per la creazione di economie di scala, producendo super-epidemiologie che si estendono oltre la capacità di qualsiasi fattoria di controllare un’epidemia, con impatti netti sul salto di specie verso gli umani e l’adattamento degli agenti patogeni.[16]
Alcune dinamiche epizoologiche sono così irregolari e imprevedibili che si esclude la possibilità di eradicazione qualunque siano gli sforzi sviluppati per il controllo della malattia.[17] Altri risultati segnalano divergenze in corso nel pensiero scientifico. Dalla modellizzazione del virus della malattia di Marek, un alfaherpesvirus che produce una varietà di tumori nel pollame, si deduce che gli effetti della densità degli allevamenti sulla mortalità degli agenti patogeni possono dipendere dal fatto che le galline ovaiole facciano la muta ed entrino in una sospensione naturale nella deposizione delle uova.[18]
Mentre il disease modeler Carly Rozins e i suoi colleghi sostengono che un tale risultato indica che il miglioramento del benessere delle galline non è necessariamente in contrasto con l’economia industriale, l’elevata densità di allevamento, che ha portato a ridurre la perdita di uova nel modello, ha richiesto le interruzioni stagionali imposte dalla muta (e che il settore delle galline ovaiole tenta di aggirare con l’illuminazione contro-stagionale per la deposizione durante tutto l’anno).
La logica della modellizzazione da parte dei ricercatori - alla ricerca di spazio per le pratiche industriali - è particolarmente tendenziosa, dato che ormai incolpare delle epidemie i piccoli proprietari e richiedere protocolli di biosicurezza che i produttori su pascolo non sono in grado di permettersi, per malattie raramente originate da loro, fa parte del pacchetto standard del settore per la gestione delle crisi epidemiche. [19]
I sociologi dello sviluppo Paul Foster e Olivier Charnoz e l’epidemiologo evoluzionista Rob Wallace sostengono che tale imposizione si estende al di là di una "dottrina dello shock", per la quale le epidemie vengono utilizzate per un fugace vantaggio finanziario del capitale.[20]
La distinzione essenziale tra allevamenti industriali che esercitano la biosicurezza, da un lato, e piccoli allevatori le cui mandrie e le greggi sono esposte agli elementi epidemiologici, dall’altro, è smentita dalle complessità relative alla proprietà e agli obblighi contrattuali.[21]
In molti paesi industriali, l’agribusiness spedisce pulcini di un giorno affinché vengano allevati a cottimo da allevatori a contratto. Una volta cresciuti (ed esposti agli uccelli migratori e alle fonti ambientali di malattie), i branchi vengono rispediti allo stabilimento per la lavorazione. La violazione della biosicurezza è incorporata direttamente nel modello industriale.
L’insieme di questi vincoli - la perdita di diversità immunitaria e di evoluzione reattiva, la selezione per virulenza e persistenza - sono quasi interamente autoimposti. Oltre a scaricare la colpa, il settore ha risposto alla trappola delle malattie di sua iniziativa modificando gli animali per l’alimentazione.
La durata delle logistiche  realizzate in laboratorio e in allevamento, tuttavia, si basano su letture di convenienza della natura delle biologie del bestiame, che si stanno rivelando orribili nella loro violenza.[22]
Le porcilaie “sterili”, ad esempio, sono popolate da maialini ottenuti per “parto strappato” - raccolti direttamente alla nascita e allevati in isolamento.[23]
In base alle variazioni HYPAR o HCDC, i maialini sono “procurati o derivati per isterectomia” e “allevati artificialmente” o privati del colostro.[24]
Cioè, le scrofe che erano sulla soglia del parto vengono sottoposte a eutanasia prima o dopo il parto mediante isterectomia terminale.[25]
I loro uteri vengono rimossi e posti in una incubatrice o cosparsi di antisettico prima che i maialini vengano rimossi dal loro involucro uterino. In alcuni casi, i maialini vengono attaccati alle scrofe HYPAR di prima generazione in modo che possano ottenere il colostro. Alcuni sono indotti per via farmacologica allo svezzamento precoce. In altri casi, i maialini sono completamente allevati con latte artificiale. L’obiettivo nel rompere il legame madre-maialino è quello di produrre quello che l’industria chiama un gruppo caratterizzato da “malattia minima” (MD), “stato di salute elevato” o “esente da organismi patogeni specifici” (SPF) che interrompe la trasmissione verticale dei patogeni (e di un microbioma benefico) dalla scrofa alla progenie.[26]
I suini  contrassegnati MD dovrebbero essere esenti da specifiche patologie dell'allevamento industriale, quali brucellosi, polmonite enzootica, pleuropolmonite, dissenteria suina, parassiti esterni come la rogna sarcoptica e parassiti interni, tra cui grande nematode del maiale, verme nodulo, verme a frusta e verme dello stomaco Hyostrongylus.
Lo sviluppo post-parto è definito da un’altra serie di interventi chirurgici e ambientali.[27]
Le code dei maialini vengono abitualmente tagliate con cauterizzazione o cutter, i canini rimossi per impedire ai maialini annoiati di mangiarsi il sedere a vicenda e la castrazione indotta chimicamente nei giovani.[28]
Nel tentativo di economizzare spazio e lavoro nell’allevamento, le contabilità ancora una volta privilegiate, molte scrofe industriali vengono poste in piccole casse da gestazione e da parto, nelle quali non possono muoversi.[29]
Masticano le sbarre per noia e sviluppano piaghe nel tentativo di alzarsi e sdraiarsi. Il benessere è quasi interamente presentato in termini di mortalità minore per scrofe e maialini, piuttosto che in termini di vissuto degli animali.[30]
Il bestiame industriale viene allevato da sempre più come carne che come animale vivo.[31]Questo presupposto si ripercuote sulle cure veterinarie.
Gli antibiotici subterapeutici nel maiale e nell' altro bestiame e pollame - l’80% dell’utilizzo totale (umano e non) negli Stati Uniti - che ammontano a 34 milioni di libbre all’anno in questo paese, vengono impiegati in primo luogo come promotori della crescita e profilassi per malattie che per la maggior parte sarebbero altrimenti prevenibili con un cambiamento nel modello di produzione.[32]
Le applicazioni negli allevamenti concorrono a [creare] resistenza agli antibiotici nelle infezioni batteriche che contribuiscono a uccidere da 23.000 a 100.000 americani all’anno e, con crescente impiego a livello globale, 700.000 persone in tutto il mondo.[33]
Tali mandrie, come abbiamo notato, sono caratterizzate da una minore immunità di fondo. Il modello industriale di produzione pretende di codificare il rischio di malattia imponendo condizioni iniziali sterili in stalle piene di liquidi corporei e letame.
Viene ora prescritta la danish entry/exit: un’area contaminata in cui vengono lasciati stivali e indumenti da lavoro, che conduce attraverso un’area di lavoro intermedia a una zona pulita dove viene fornito un indumento per l’esterno della stalla.[34]Vengono imposte delle pause prima che siano autorizzati visitatori.  Le docce sono fornite in loco all’ingresso e all’uscita. Sono disponibili vaschette per pediluvio. La produzione è organizzata intorno al sistema “all-in/all-out”, per cui una mandria o un gregge vengono portati in una stalla solo dopo la rimozione della coorte precedente. Le stalle sono dotate di sistemi a doppia porta, sistemi con “camera di compensazione” e filtri per la circolazione dell’aria in entrata e in uscita.
La recinzione perimetrale e la protezione da uccelli selvatici e roditori mirano a tenere alla larga la natura sporca.  Macchinari e strumenti - camion, carrelli elevatori, marcatori auricolari e simili - sono riservati alla stalla.
Il bestiame morto viene incenerito, seppellito o compostato in loco. È disponibile una mensa separata.
I prodotti animali trasformati sono vietati. Al personale viene impedito il contatto con animali simili - domestici, commerciali e selvatici - anche se l’economia del settore sceglie anche squadre di braccianti itineranti mal pagati che lavorano da fattoria a fattoria.[35]
Gli interventi si estendono fuori sede. Ci sono aziende che hanno ispezionato le case dei lavoratori dell’allevamento come se fossero la fonte del problema.[36]
Per quanto seguiti diligentemente, anche i programmi più rigorosi si stanno dimostrando inefficaci contro una crescente schiera di agenti patogeni mortali in evoluzione, in parte come problema della loro stessa azione. Nonostante i mesi di preavviso, l'ampia copertura mediatica e le campagne pubblicitarie degli stati e dei programmi di assistenza agricola, l’influenza aviaria altamente patogena A H5N2 ha devastato le attività [di allevamento] di tacchini e galline ovaiole nel Midwest degli Stati Uniti, uccidendo 50 milioni di uccelli per infezione diretta o abbattimento.[37] A quanto pare il ceppo è stato diffuso da fomiti portati dal vento per i quali il modello danese offriva poca protezione e che la concentrazione spaziale del settore favoriva.
Il contagio, insieme all’inquinamento, al maltrattamento dei lavoratori agricoli e a tutte le altre lacerazioni che abbiamo toccato in questo articolo, esemplifica una diseconomia di scala connaturata e a cui si fa poco riferimento. Maggiore è la dimensione delle attività sia a livello di azienda agricola che a livello di regione, peggiore è il problema.
La problematica del contagio va oltre la capacità logistica che il settore può sopportare riguardo ai focolai.[38]
Nel 2016, i settori delle anatre e delle oche della Francia sono stati colpiti in diciotto dipartimenti del sud-ovest da focolai simultanei di influenze aviarie altamente patogene H5N1, H5N2, H5N3 e H5N9[39].
In risposta, gli allevatori di pollame si sono mossi per porre fine alla produzione industriale sulla base del fatto che le pratiche di biosicurezza a lungo perseguite erano insufficienti per il biocontrollo.[40] Contrariamente alla produzione statunitense, la regolamentazione settoriale sta introducendo pause di quattro mesi tra un gruppo di animali e l'altro, durante le quali gli allevatori dovrebbero pulire e disinfettare le loro stalle, una tempistica che effettivamente metterebbe fine al posizionamento della Francia nella corsa globale al ribasso nell’ecologia della produzione.
Il dilemma è reso attuale da qualcosa di più della scarsa probabilità che la consueta serie di interventi possa riuscire a fermare queste nuove infezioni emergenti.
Gli agenti patogeni dell’agribusiness si stanno evolvendo anche attraverso il cuore del modello di produzione, come confutazioni viventi di un paradigma.
I nuovi agenti patogeni, tra cui H5Nx e la peste suina africana, aggirano le nozioni culturali di ciò che la “biosicurezza” deve significare per il settore, sia come questione di necessità economica sia come “significante principale” su cui fondare la storia del cibo per il grande pubblico.[41]
Questi cumuli di cibo “sterile” non stanno dimostrando nulla del genere. Il danno risultante, che va oltre la perdita del patrimonio zootecnico, ha introdotto un’ansia esistenziale nell’agricoltura industriale.[42]
Malattie sporche che sfuggono dal cibo presumibilmente pulito “contaminano” la narrativa del settore nel mezzo di una crisi già in corso di forte legittimità e fiducia pubblica.[43]
Frazioni di capitale agricolo, già in conflitto sull’opportunità di rifornire mercati altamente competitivi oppure di proteggere il valore con una scarsità pianificata, stanno cominciando a perdere la disciplina di classe necessaria per risolvere a favore dell’agrobusiness  il moltiplicarsi di situazioni critiche del settore.
La risposta di alcune fazioni industriali sembra accidentale, al di là persino del “prendi e scappa” delle isterectomie terminali. Forse qualche soluzione sistemerà questo trimestre finanziario, si pensa.
Il software di riconoscimento facciale per monitorare migliaia di capi di bestiame per le malattie o i laser per allontanare dagli allevamenti gli uccelli selvatici in migrazione offrono poche prospettive, e contano poco nel modo di trasformare i programmi di produzione al centro del modello di business, che selezionano la virulenza e persistenza dei patogeni.[44]
La “pre-programmazione” della resistenza alle malattie negli animali per l’alimentazione transgenici mira a bloccare i patogeni prima ancora che arrivino.[45]
Ma i microbi sono professionisti del trucco molto migliori. Attraverso milioni di portatori ogni giorno, sviluppano soluzioni nei confronti della profilassi molte volte prima ancora che i farmaci vengano introdotti.[46]La capacità di adattamento dell’agribusiness non va tuttavia sottovalutata. Il settore ha a lungo messo a frutto le sue intrinseche modalità fallimentari nel controllo delle malattie.[47]
L’ingegnosità è sbalorditiva se non capiamo che il materialismo su cui lavora l’agricoltura industriale si estende oltre la carne e le macchine, nel sociale e nel semiotico.[48]
Piuttosto che ripensare il modello di produzione, decenni fa l’allevamento intensivo negli Stati Uniti e in altri paesi industriali ha scorporato l’ingrasso degli animali - quello che molti immaginano come l’allevamento stesso – in modo che fossero allevatori in appalto a sopportare la parte peggiore delle perdite derivanti dalle malattie.
Gli appaltatori vengono ingaggiati su base temporanea mentre sono responsabili di milioni di dollari in prestiti per acquistare la terra, le stalle, le attrezzature e altri input per allevare animali per l’alimentazione secondo le specifiche della compagnia committente. Le compagnie “fanno crescere” gli appaltatori, e i debiti in conto capitale a cui sono vincolati questi agricoltori, per assorbire il peggio dei danni causati dai focolai.
Fino ad ora il piano alternativo ha funzionato come previsto. Per l’epidemia di H5N2 nel Midwest degli Stati Uniti, i costi diretti degli uccelli uccisi dal virus, per i quali un vaccino prodotto durante l’epidemia si è rivelato inefficace, sono ricaduti sugli appaltatori, per i quali non è prevista alcuna assicurazione contro l’epidemia.[49]  I costi di abbattimento dei branchi non ancora infettati dall’H5N2, ma in pericolo, sono stati pagati dai contribuenti federali.
In breve, a tutto vantaggio degli agenti patogeni più letali, a cui è stato permesso di continuare a circolare attraverso una vasta rete di stalle, fattorie e confini nazionali, il capitalismo, contro la propria caratterizzazione, non è riuscito a punire il fallimento del mercato del settore.
Il sistema sposta invece i danni fuori dal suo bilancio e verso animali per l’alimentazione, la fauna selvatica, gli agricoltori, i consumatori, le comunità locali, e all’estero. I fallimenti fondamentali nella biosicurezza vengono nascosti all'interno della produzione, innanzitutto nei riguardi di agricoltori e governi federali, prima che un singolo lotto di maiali o polli esca dal camion.

(3. Continua)


Glossario

All in/All out: sistema per il quale non è possibile introdurre un nuovo lotto prima che sia stata estratta la totalità di quello precedente.
Antigene: una molecola in grado di essere riconosciuta dal sistema immunitario come estranea o potenzialmente pericolosa.
Colostro: è un liquido che il seno materno produce prima della montata lattea circa tre giorni dopo il parto. Molto nutriente e importante per aumentare le difese immunologiche.
Cross reactivity: reazione del sistema immunitario all’antigene.
Danish entry/exit:  sistema di organizzazione dei flussi di persone negli allevamenti attraverso la separazione delle zone potenzialmente infette e non, inframezzate da aree di disinfezione.
Disease modeling: l'uso di modelli matematici in materia sanitaria.
Epitopo:  è quella piccola parte di antigene che si lega agli anticorpi.
Epizoologia: epidemiologia veterinaria.
Fomite: oggetto inanimato che, se contaminato o esposto a microrganismi patogeni, può trasferire una malattia infettiva a un nuovo ospite.
Modellizzazione: costruzione di un modello teorico.
Morfometrico: relativo alla morfometria, l'analisi quantitativa della forma.
Sierotipo: sottospecie. Un livello di classificazione di batteri e virus inferiore a quello di specie.

Traduzione di Ecor.Network. Le immagini degli animali sono tratte da We Animals Media.
 


The Origins of Industrial Agricultural Pathogens è tratto da:

Dead Epidemiologists: On the Origins of COVID-19
Rob Wallace
Monthly Review Press, 2020 - 260 pp.

Dead Epidemiologists è una raccolta eclettica di commenti, articoli e interviste che rivelano la verità nascosta dietro la pandemia: il capitale globale ha guidato la deforestazione e lo sviluppo che ci hanno esposto a nuovi agenti patogeni.
Rob Wallace e i suoi colleghi - ecologisti, geografi, attivisti e, sì, epidemiologi - spiegano le origini materiali e concettuali del COVID-19.  Dal profondo Yunnan ai consigli di amministrazione di New York City, questo libro offre una diagnosi convincente delle radici del COVID-19 e una prognosi severa di ciò che, senza ulteriori interventi, potrebbe accadere, a meno che non adottiamo subito azioni radicali.

Info sul sito della Monthly Review Press.


[1] Graham JP, JH Leibler, LB Price, JM Otte, DU Pfeiffer, T Tiensin, and EK Silbergeld. (2008). “The animal–human interface and infectious disease in industrial food animal production: Rethinking biosecurity and biocontainment.” Public Health Reports 123: 28–299; Hincliffe S (2013). “The insecurity of biosecurity: remaking emerging infectious diseases.” In A Dobson, K Baker, and SL Taylor (eds), Biosecurity: The Socio-Politics of Invasive Species and Infectious Diseases. Routledge, New York, pp 199–214; Allen J and S Lavau (2015). “‘Just-in-time’ disease: Biosecurity, poultry and power.” Journal of Cultural Economy 8(3): 342–360; Wallace RG (2016). Big Farms Make Big Flu; Leibler JH, K Dalton, A Pekosz, GC Gray, and EK Silbergeld (2017). “Epizootics in industrial livestock production: Preventable gaps in biosecurity and biocontainment.” Zoonoses Public Health 64(2): 137–145.

[2] Tauxe RV (1997). “Emerging foodborne diseases: An evolving public health challenge.” Emerging Infectious Diseases 3(4): 425–434; Guinat C, A Gogin, S Blome, G Keil, R Pollin, et al. (2016). “Transmission routes of African swine fever virus to domestic pigs: current knowledge and future research directions.” Vet Rec. 178(11): 262–267; Wallace R, L Bergmann, L Hogerwerf, R Kock, and RG Wallace (2016). “Ebola in the hog sector: Modeling pandemic emergence in commodity livestock”; Marder EP, PM Griffin, PR Cieslak, J Dunn, S Hurd, et al. (2018). “Preliminary incidenceand trends of infections with pathogens transmitted commonly through food—Foodborne Diseases Active Surveillance Network, 10 U.S. sites, 2006–2017.” MMWR, 67(11): 324–328; Wallace RG, K Okomoto, and A Liebman (2020). “Gated ecologies”; Wallace RG (2020). “Notes on a novel coronavirus”, in Rob Wallace, Dead Epidemiologists: On the Origins of COVID-19, Monthly Review Press, 2020.

[3] Garrett KA and CM Cox (2008). “Applied biodiversity science: Managing emerging diseases in agriculture and linked natural systems using ecological principles.” In RS Ostfeld, F Keesing and VT Eviner (eds), Infectious Disease Ecology: Effects of Ecosystems on Disease and of Disease on Ecosystems. Princeton University Press, Princeton, pp 368-386; Vandermeer J (2010). The Ecology of Agroecosystems. Jones and Bartlett Publishers, Sudbury, MA; Thrall PH, JG Oakeshott, G Fitt, S Southerton, JJ Burdon, et al. (2011). “Evolution in agriculture—the application of evolutionary approaches to the management of biotic interactions in agro-ecosystems.” Evolutionary Applications 4: 200–215; Denison RF (2012). Darwinian Agriculture: How Understanding Evolution Can Improve Agriculture. Princeton University Press, Princeton, NJ; Gilbert M, X Xiao, and TP Robinson (2017). “Intensifying poultry production systems and the emergence of avian influenza in China: A ‘One Health/Ecohealth’ epitome.” Archives of Public Health 75.

[4] Houshmand M, K Azhar, I Zulkifli, MH Bejo, and A Kamyab (2012). “Effects of prebiotic, protein level, and stocking density on performance, immunity, and stress indicators of broilers.” Poult Sci., 91: 393–401; Gomes AVS, WM Quinteiro-Filho, A Ribeiro, V Ferraz-de-Paula, ML Pinheiro, et al. (2014). “Overcrowding stress decreases macrophage activity and increases Salmonella Enteritidis invasion in broiler chickens.” Avian Pathology 43(1): 82–90; Yarahmadi P, HK Miandare, S Fayaz, C Marlowe, and A Caipang (2016). “Increased stocking density causes changes in expression of selected stress- and immune-related genes, humoral innate immune parameters and stress responses of rainbow trout (Oncorhynchus mykiss).” Fish & Shellfish Immunology 48: 43–53; Li W, F Wei, B Xu, Q Sun, W Deng, et al. (2019). “Effect of stocking density and alpha-lipoic acid on the growth performance, physiological and oxidative stress and immune response of broilers” Asian-Australasian Journal of Animal Studies

[5] Pitzer VE, R Aguas, S Riley, WLA Loeffen, JLN Wood, and BT Grenfell (2016) . “High turnover drives prolonged persistence of influenza in managed pig herds.” J. R. Soc. Interface 13: 20160138; Gast RK, R Guraya, DR Jones, KE Anderson, and DM Karcher (2017). “Frequency and duration of fecal shedding of Salmonella Enteritidis by experimentally infected laying hens housed in enriched colony cages at different stocking densities.” Front. Vet. Sci. ; Diaz A, D Marthaler, C Corzo, C Muñoz-Zanzi, S Sreevatsan, M Culhane, and M Torremorell (2017) . “Multiple genome constellations of similar and distinct influenza A viruses co-circulate in pigs during epidemic events.” Scientific Reports 7: 11886; EFSA Panel on Biological Hazards (EFSA BIOHAZ Panel), K Koutsoumanis, A Allende, A Alvarez-Ordóñez, D Bolton, et al. (2019). “Salmonella control in poultry flocks and its public health impact.” EFSA Journal 17(2): e05596.

[6] Atkins KE, RG Wallace, L Hogerwerf, M Gilbert, J Slingenbergh, J Otte, and A Galvani (2011). Livestock Landscapes and the Evolution of Influenza Virulence. Virulence Team Working Paper No. 1. Animal Health and Production Division, Food and Agriculture Organization of the United Nations, Rome; Allen J and S Lavau (2015). “‘Just-in-time’ disease: Biosecurity, poultry and power”; Pitzer VE, R Aguas, S Riley, WLA Loeffen, JLN Wood, and BT Grenfell (2016). “High turnover drives prolonged persistence of influenza in managed pig herds”; Rogalski MA, CD Gowler, CL Shaw, RA Hufbauer, and MA Duffy (2017). “Human drivers of ecological and evolutionary dynamics in emerging and disappearing infectious disease systems.” Phil. Trans. R. Soc. B 372(1712): 20160043.

[7] Rogalski MA, CD Gowler, CL Shaw, RA Hufbauer, and MA Duffy (2017). “Human drivers of ecological and evolutionary dynamics in emerging and disappearing infectious disease systems.”

[8] Rozins C and T Day (2017). “The industrialization of farming may be driving virulence evolution.” Evolutionary Applications 10(2): 189–198.

[9] Wallace RG (2009). “Breeding influenza: the political virology of offshore farming”; Atkins KE, AF Read, NJ Savill, KG Renz, AF Islam, SW Walkden-Brown, and ME Woolhouse (2013). “Vaccination and reduced cohort duration can drive virulence evolution: Marek’s disease virus and industrialized agriculture.” Evolution 67(3): 851–860; Wallace RG (2016). “Flu the farmer.” In Big Farms Make Big Flu: Dispatches on Infectious Disease, Agribusiness, and the Nature of Science. Monthly Review Press, New York, pp 316–318; Mennerat A, MS Ugelvik, CH Jensen, and A Skorping (2017). “Invest more and die faster: The life history of a parasite on intensive farms.” Evolutionary Applications 10(9): 890–896.

[10] Atkins KE, RG Wallace, L Hogerwerf, M Gilbert, J Slingenbergh, J Otte, and A Galvani (2011). Livestock Landscapes and the Evolution of Influenza Virulence; Kennedy DA, C Cairns, MJ Jones, AS Bell, RM Salathe, et al. (2017). “Industry-wide surveillance of Marek’s disease virus on commercial poultry farms.” Avian Dis. 61: 153–164.

[11] Wallace RG (2016). “A pale, mushy wing.” In Big Farms Make Big Flu: Dispatches on Infectious Disease, Agribusiness, and the Nature of Science. Monthly Review Press, New York, pp 222–223; Gilbert M, X Xiao, and TP Robinson (2017). “Intensifying poultry production systems and the emergence of avian influenza in China: A ‘One Health/Ecohealth’ epitome.”

[12] Wallace RG (2009). “Breeding influenza: the political virology of offshore farming”; Atkins KE, RG Wallace, L Hogerwerf, M Gilbert, J Slingenbergh, J Otte, and A Galvani (2011). Livestock Landscapes and the Evolution of Influenza Virulence; Dhingra MS, J Artois, S Dellicour, P Lemey, G Dauphin, et al. (2018). “Geographical and historical patterns in the emergences of novel Highly Pathogenic Avian Influenza (HPAI) H5 and H7 viruses in poultry.” Front. Vet. Sci. 05.

[13] Nelson MI, P Lemey, Y Tan, A Vincent, TT Lam, et al. (2011). “Spatial dynamics of human-origin H1 influenza A virus in North American swine.” PLoS Pathog. 7(6):e1002077; Fuller TL, M Gilbert, V Martin, J Cappelle, P Hosseini, KY Njabo, S Abdel Aziz, X Xiao, P Daszak, and TB Smith (2013). “Predicting hotspots for influenza virus reassortment.” Emerg Infect Dis. 19(4): 581–588; Wallace R and RG Wallace (2015). “Blowback: new formal perspectives on agriculturally-driven pathogen evolution and spread.” Epidemiology and Infection 143(10): 2068–2080; Mena I, MI Nelson, F Quezada-Monroy, J Dutta, R Cortes-Fernández, JH Lara-Puente, F Castro-Peralta, LF Cunha, NS Trovão, B Lozano-Dubernard, A Rambaut, H van Bakel, and A García-Sastre (2016). “Origins of the 2009 H1N1 influenza pandemic in swine in Mexico.” Elife 5.pii:e16777; O’Dea EB, H Snelson, and S Bansal (2016). “Using heterogeneity in the population structure of U.S. swine farms to compare transmission models for porcine epidemic diarrhea.” Scientific Reports 6: 22248; Dee SA, FV Bauermann, MC Niederwerder, A Singrey, T Clement, et al. (2018). “Survival of viral pathogens in animal feed ingredients under transboundary shipping models.” PLoS ONE 14(3): e0214529; Gorsich EE, RS Miller, HM Mask, C Hallman, K Portacci, and CT Webb (2019). “Spatio-temporal patterns and characteristics of swine shipments in the U.S. based on Interstate Certificates of Veterinary Inspection.” Scientific Reports, 9: 3915; Nelson MI, CK Souza, NS Trovão, A Diaz, I Mena, et al. (2019). “Human-origin influenza A(H3N2) reassortant viruses in swine, Southeast Mexico.” Emerg Infect Dis. 25(4): 691–700.

[14] Rabsch W, BM Hargis, RM Tsolis, RA Kingsley, KH Hinz, H Tschäpe, and AJ Bäumler (2000). “Competitive exclusion of Salmonella enteritidis by Salmonella gallinarum in poultry.” Emerg Infect Dis. 6(5): 443–448; Shim E and AP Galvani (2009). “Evolutionary repercussions of avian culling on host resistance and influenza virulence.” PLoS ONE 4(5): e5503; Nfon C, Y Berhane, J Pasick, C Embury-Hyatt, G Kobinger, et al. (2012). “Prior infection of chickens with H1N1 or H1N2 Avian Influenza elicits partial heterologous protection against Highly Pathogenic H5N1.” PLoS ONE 7(12): e51933; Yang Y, G Tellez, JD Latorre, PM Ray, X Hernandez, et al. (2018). “Salmonella excludes salmonella in poultry: Confirming an old paradigm using conventional and barcode-tagging approaches.” Front. Vet. Sci. 5: 101.

[15] Smith GJ, XH Fan, J Wang, KS Li, K Qin, et al. (2006). “Emergence and predominance of an H5N1 influenza variant in China.” Proc Natl Acad Sci U S A. 103(45): 16936–16941; Pasquato A and NG Seidah (2008). “The H5N1 influenza variant Fujian-like hemagglutinin selected following vaccination exhibits a compromised furin cleavage: neurological consequences of highly pathogenic Fujian H5N1 strains.” J Mol Neurosci. 35(3): 339–343; Lauer D, S Mason, B Akey, L Badcoe, D Baldwin, et al. (2015). Report of the Committee on Transmissible Diseases of Poultry and Other Avian Species. United States Animal Health Association. 

[16] Wallace RG (2016). “Made in Minnesota.” In Big Farms Make Big Flu: Dispatches on Infectious Disease, Agribusiness, and the Nature of Science. Monthly Review Press, New York, pp 347–358; Lantos PM, K Hoffman, M Höhle, B Anderson, and GC Gray (2016). “Are people living near modern swine production facilities at increased risk of influenza virus infection?” Clinical Infectious Diseases 63(12): 1558–1563; Ma J, H Shen, C McDowell, Q Liu, M Duff, et al. (2019). “Virus survival and fitness when multiple genotypes and subtypes of influenza A viruses exist and circulate in swine.” Virology 532: 30–38.

[17] Kennedy DA, PA Dunn, and AF Read (2018). “Modeling Marek’s disease virus transmission: A framework for evaluating the impact of farming practices and evolution.” Epidemics 23: 85–95.

[18] Rozins C and T Day (2017). “The industrialization of farming may be driving virulence evolution.” Evolutionary Applications 10(2): 189–198; Rozins C, T Day, and S Greenhalgh (2019). “Managing Marek’s disease in the egg industry.” Epidemics 27: 52–58.

[19] Bryant L and B Garnham (2014). “Economies, ethics and emotions: Farmer distress within the moral economy of agribusiness.” Journal of Rural Studies 34: 304–312; Wallace RG (2016). “Collateralized farmers.” In Big Farms Make Big Flu: Dispatches on Infectious Disease, Agribusiness, and the Nature of Science. Monthly Review Press, New York, pp 336–340; Wallace RG (2017). “Industrial production of poultry gives rise to deadly strains of bird flu H5Nx.” Institute for Agriculture and Trade Policy blog, January 24; Wallace RG (2018). Duck and Cover: Epidemiological and Economic Implications of Ill-founded Assertions that Pasture Poultry Are an Inherent Disease Risk. Australian Food Sovereignty Alliance.

[20] Forster P and O Charnoz (2013). “Producing knowledge in times of health crises: Insights from the international response to avian influenza in Indonesia.” Revue d’anthropologie des connaissances 7(1):w-az; Wallace RG (2016). “A pale, mushy wing.”

[21] Wallace RG (2009). “Breeding influenza: the political virology of offshore farming”; Atkins KE, RG Wallace, L Hogerwerf, M Gilbert, J Slingenbergh, J Otte, and A Galvani (2010). Livestock Landscapes and the Evolution of Influenza Virulence; Leonard C (2014). The Meat Racket: The Secret Takeover of America’s Food Business.

[22] Lulka D (2004). “Stabilizing the herd: Fixing the identity of nonhumans.” Environment and Planning D 22(3): 439–463; Lorimer J and C Driessen (2013). “Bovine biopolitics and the promise of monsters in the rewilding of Heck cattle.” Geoforum 48: 249–259.

[23] Harris DL (2000; 2008) Multi-Site Pig Production. John Wiley & Sons, Hoboken, NJ.

[24] Henry DP (1965). “Experiences during the first eight weeks of life of HYPAR piglets.” Australian Veterinary Journal 41(5); Harris DL (2000; 2008). Multi-Site Pig Production; Stibbe A (2012). Animals Erased: Discourse, Ecology, and Reconnection with the Natural World. Wesleyan University Press, Middletown, CT.

[25] Muñoz A, G Ramis, FJ Pallarés, JS Martínez, J Oliva, et al. (1999). “Surgical procedure for Specific Pathogen Free piglet by modified terminal hysterectomy.” Transplantation Proceedings 31: 2627–2629; Zimmerman JJ, LA Karriker, A Ramirez, KJ Schwartz, GW Stevenson, and J Zhang (eds) (2019). Diseases of Swine. John Wiley & Sons, Hoboken, NJ.

[26] Cameron RDA (2000). A Review of the Industrialisation of Pig Production Worldwide with Particular Reference to the Asian Region. Huang Y, DM Haines, and JCS Harding (2013). “Snatch-farrowed, porcine-colostrum-deprived (SF-pCD) pigs as a model for swine infectious disease research.” Can J Vet Res., 77(2): 81–88.

[27] Zimmerman JJ, LA Karriker, A Ramirez, KJ Schwartz, GW Stevenson, and J Zhang (eds) (2019). Diseases of Swine.

[28] Sutherland MA, PJ Bryer, N Krebs, and JJ McGlone (2008). “Tail docking in pigs: acute physiological and behavioural responses.” Animal 2(2): 292–297; Van Beirendonck S, B Driessen, G Verbeke, L Permentier, V Van de Perre, and R Geers (2012). “Improving survival, growth rate, and animal welfare in piglets by avoiding teeth shortening and tail docking.” Journal of Veterinary Behavior 7(2): 88–93.

[29] Schrey L, N Kemper, M Fels (2017). “Behaviour and skin injuries of sows kept in a novel group housing system during lactation.” Journal of Applied Animal Research, 46(1): 749–757; Pedersen LJ (2017). “Overview of commercial production systems and their main welfare challenges.” In M Špinka (ed), Advances in Pig Welfare. Elsevier, pp 3–25; Baxter EM, IL Andersen, and SA Edwards (2017). “Sow welfare in the farrowing crate and alternatives.” In M Špinka (ed), Advances in Pig Welfare. Elsevier, pp 27–72.

[30] Chantziaras I, J Dewulf, T Van Limbergen, M Klinkenberg, and A Palzer (2018). “Factors associated with specific health, welfare and reproductive performance indicators in pig herds from five EU countries.” Preventive Veterinary Medicine, 159: 106–114.

[31] Jonas T (2015). “The vegetarian turned pig-farming butcher.” In N Rose (ed), Fair Food: Stories from a Movement Changing the World. University of Queensland Press, St Lucia, Australia; Jonas T. (2015). “How to respond to vegan abolitionists.” Tammi Jonas: Food Ethics.

[32] Spellberg B, GR Hansen, A Kar, CD Cordova, LB Price, and JR Johnson (2016). Antibiotic Resistance in Humans and Animals. National Academy of Medicine. Discussion Paper. ; Wallace RG (2016). Big Farms Make Big Flu: Dispatches on Infectious Disease, Agribusiness, and the Nature of Science.

[33] Spellberg B, et al. (2016). Antibiotic Resistance in Humans and Animals; Robinson TP, GRW Wint, G Conchedda, TP Van Boeckel, V Ercoli, et al. (2014). “Mapping the global distribution of livestock.” PLoS ONE, 9(5):e96084; Mughini-Gras L, A Dorado-García, E van Duijkeren, G van den Bunt, CM Dierikx, et al. (2019). “Attributable sources of community-acquired carriage of Escherichia coli containing β-lactam antibiotic resistance genes: a population-based modelling study.” The Lancet Planetary Health, 3: e357–e369.

[34] Lambert ME and S D’Allaire (2009). “Biosecurity in swine production: Widespread concerns?” Advances in Pork Production 20: 139–148; Pitkin A, S Otake, and S Dee (2009). Biosecurity Protocols for the Prevention of Spread of Porcine Reproductive and Respiratory Syndrome Virus. Swine Disease Eradication Center, University of Minnesota College of Veterinary Medicine. pdf; Janni KA, LD Jacobson, SL Noll, CJ Cardona, HW Martin, and AE Neu (2016). “Engineering challenges and responses to the pathogenic avian influenza outbreak in Minnesota in 2015.” 2016 American Society of Agricultural and Biological Engineers Annual International Meeting; Dewulf J and F Van Immerseel (2018). Biosecurity in Animal Production and Veterinary Medicine: From Principles to Practice. Acco, Leuven, Belgium.

[35] Blanchette A (2015). “Herding species: Biosecurity, posthuman labor, and the American industrial pig.” Cultural Anthropology, 30(4): 640–669; Wallace RG (2016). “Banksgiving.” Farming Pathogens, 30 November. ; Wickramage K and G Annunziata (2018). “Advancing health in migration governance, and migration in health governance.” The Lancet, 392(10164): 2528–2530; Moyce SC and M Schenker (2018). “Migrant workers and their occupational health and safety.” Annual Review of Public Health39: 351–365.

[36] Blanchette A (2015). “Herding species: Biosecurity, posthuman labor, and the American industrial pig”; Wallace RG (2016). “Banksgiving.”

[37] Wallace RG (2016). “Made in Minnesota.”

[38] Lee J, L Schulz, and G Tonsor (2019). “Swine producers’ willingness to pay for Tier 1 disease risk mitigation under ambiguity.” Selected Paper prepared for presentation at the 2019 Agricultural & Applied Economics Association Annual Meeting, Atlanta, GA, July. 21 – July 23.

[39] Wallace RG (2017). “Industrial production of poultry gives rise to deadly strains of bird flu H5Nx”; Briand FX, E Niqueux, A Schmitz, E Hirchaud, H Quenault, et al. (2018). “Emergence and multiple reassortments of French 2015–2016 highly pathogenic H5 avian influenza viruses.” Infection, Genetics and Evolution 61: 208–214.

[41] Hill A (2015). “Moving from ‘matters of fact’ to ‘matters of concern’ in order to grow economic food futures in the Anthropocene.” Agriculture and Human Values 32(3): 551-563; Wallace RG (2017). “Industrial production of poultry gives rise to deadly strains of bird flu H5Nx”; Maclean K, C Farbotko, and CJ Robinson (2019). “Who do growers trust? Engaging biosecurity knowledges to negotiate risk management in the north Queensland banana industry, Australia.” Journal of Rural Studies 67: 101–110.

[42] Collier SJ and A Lakoff (2008). “The problem of securing health.” In A Lakoff and SJ Collier (eds), Biosecurity Interventions: Global Health and Security in Question. Columbia University Press, New York; Hincliffe S (2013). “The insecurity of biosecurity: remaking emerging infectious diseases”; Allen J and S Lavau (2015). “‘Just-in-time’ disease: Biosecurity, poultry and power”; Gowdy J and P Baveye (2019). “An evolutionary perspective on industrial and sustainable agriculture.” In G Lemaire, PCDF Carvalho, S Kronberg, and S Recous (eds), Agroecosystem Diversity: Reconciling Contemporary Agriculture and Environmental Quality. Academic Press, pp 425–433.

[43] Akram-Lodhi AH (2015). “Land grabs, the agrarian question and the corporate food regime.” Canadian Food Studies 2(2): 233–241; Montenegro de Wit M and A Iles (2016). “Toward thick legitimacy: creating a web of legitimacy for agroecology.” Elem. Sci. Anth. 4: 115; Murray A (2018). “Meat cultures: Lab-grown meat and the politics of contamination.” BioSocieties 13(2): 513–534; Wallace RG, K Okomoto, and A Liebman (2020). “Gated ecologies.”

[44] Powell J (2017). “Poultry farm sets up lasers to guard its organic hens from bird flu.” The Poultry Site, 6 March. ; Benjamin M and S Yik (2019). “Precision livestock farming in swine welfare: A review for swine practitioners.” Animals 9: 133; , Shen JH, C McDowell, Q Liu, M.Duff, et al. (2019). “Virus survival and fitness when multiple genotypes and subtypes of influenza A viruses exist and circulate in swine.” Virology 532: 30–38.

[45] Proudfoot C, S Lillico, and C Tait-Bukard (2019). “Genome editing for disease resistance in pigs and chickens.” Animal Frontiers 9(3): 6–12.

[46] Wallace RG (2016). “Cave/Man.” In Big Farms Make Big Flu: Dispatches on Infectious Disease, Agribusiness, and the Nature of Science. Monthly Review Press, New York, pp 277–278.

[47] Leonard C (2014). The Meat Racket: The Secret Takeover of America’s Food Business; Wallace RG (2016). “Collateralized farmers”; Adams T, J-D Gerber, M Amacker, and T Haller. (2018). “Who gains from contract farming? Dependencies, power relations, and institutional change.”Journal of Peasant Studies 46(7): 1435–1457.

[48] Fracchia J (2017). “Organisms and objectifications: A historical-materialist inquiry into the ‘Human and the Animal.’” Monthly Review, 68(10): 1–16; Wallace RG (2018). “Review of Paul Richards’ Ebola: How a People’s Science Helped End an Epidemic.” (Zed Books, 2016).”

[49] Wallace RG (2016). “Made in Minnesota.”

15 giugno 2021 (pubblicato qui il 05 agosto 2021)